Home In Provincia Frontera: «Punteremo sul lavoro di squadra per dare risposte ai cittadini»

Frontera: «Punteremo sul lavoro di squadra per dare risposte ai cittadini»

Il sindaco di Savelli Domenico Frontera ha un progetto ambizioso minato però dalla situazione economica del Comune

397
0
CONDIVIDI
Reale Mutua – sezione post
Crotone Service – Banner News
CrotoneOk – Banner News
Banner Ottica Sacco – News – scadenza: 30/11/2018
Il mondo della tecnologia – news- scadenza 5 novembre
Rlm – Banner News
Omcs – Banner News
Domus Funerarium – Banner News
Astorino – News – scadenza: 30/11/2018
Michele Affidato – sezione post

Con 534 voti (60,47% degli elettori che si sono recati alle urne), Domenico Frontera, lo scorso 10 giugno, è stato eletto sindaco di Savelli. Medico di professione, Frontera ha battuto con la lista civica L’alveare il suo avversario politico, il sindaco uscente Francesco Spina.

Il suo è stato un risultato importante, è soddisfatto? Assolutamente sì. Considerando che mi sono presentato a queste amministrative sostenuto da una lista civica, il risultato è stato soddisfacente. Dopo dieci anni Savelli ha un nuovo Sindaco. Ora stiamo lavorando per dare risposte ai cittadini.

Si è già messo al lavoro per il programma? Sì, il nostro è un programma ambizioso e bisognerà attendere per metterlo in pratica vista la situazione economica che ci troviamo a dover affrontare. Ci sono circa un milione di euro di debiti che per un comune come Savelli è davvero tanto. Per fare un esempio, dal bilancio risulta che l’amministrazione doveva riscuote 1 milione e 800 euro di tributi, ma al momento abbiamo difficoltà anche a reperire i nomi dei morosi. Dunque la situazione non è certemente delle migliori. Purtroppo la macchina della burocrazia non consente di risolvere problematiche in tempi brevi. Siamo letteralmente paralizzati dal punto di vista burocratico. Il nostro obiettivo rimane comunque quello di dare risposte ai cittadini, perché è un loro diritto e devono conoscere la situazione che si trovano a vivere.

Nel dettaglio, quali sono i progetti per Savelli? Prima di tutto vogliamo riappropriarci di una zona demaniale di 2500 ettari per cercare di realizzare il termoconvertore a Biomasse; vorrei avviare, con un progetto serio, la coltura del baco da seta e l’imbottigliamento acqua oltre che ralizzare la centrale idroelettrica. Tutto nell’ottica di incentivare l’occupazione nel nostro paese. Ovviamente poi ci dedicheremo alla manutenzione ordinaria e a fornire i servizi essenziali. Purtroppo non sarà facile, le casse sono vuote, ma noi ci impegneremo a fondo, e lo faremo per i cittadini.

Com’è formata la Giunta? Ho nominato Bruno Vittorio Caligiuri vicesindaco. Lui è sempre presente in Comune, perchè è importante che i cittadini possano contare su una figura di riferimento capace di fornire le risposte giuste alle loro domande e raccogliere le loro richieste; Vincenzo Anania è invece assessore. Le deleghe sono ripartite in modo equo e sto pensando di affidarne qualcuna anche ai tecnici. Noi puntiamo sul lavoro di squadra perché è importante unire forze e competenze per riuscire a dare il gisuto contributo alla rinascita di Savelli.

V.R.