Fuori oggi il nuovo album solo guitar del petilino Renato Caruso

Fuori oggi il nuovo album solo guitar del petilino Renato Caruso

Da oggi, venerdì 12 novembre, è disponibile in digitale “Grazie Turing”, il nuovo album solo guitar del chitarrista Renato Caruso. Così come il precedente disco “Pitagora pensaci tu”, l’album è un omaggio ad una delle più grandi figure del ‘900, Alan Turing (1912-1954). Una figura rivoluzionaria, interessante per le sue scoperte scientifiche ma anche per la sua vita privata: ideatore del primo computer, pioniere dell’intelligenza artificiale, eroe di guerra che grazie alla sua macchina decifrò i codici tedeschi, processato poi per omosessualità fece anche i primi esperimenti di sintesi con la musica.

«Questo album racchiude tutte le sfaccettature della mia anima, i miei studi di informatica, informatica musicale e chitarra classica. Il disco non vuole essere un esercizio di sperimentazione, ma anzi un ritorno all’analogico quasi o meglio alla melodia e armonia minimalista. Le tracce in ordine ricorderanno gli step che ci hanno portato ad avere il computer a casa, partendo dalla filosofia di Aristotele poiché la logica è la prima cosa nei computer fino ad arrivare a Steve Jobs che lo portò nelle nostre casa. Infine un omaggio ad Einstein e a dove andremo a finire un giorno».

La cover di “Grazie Turing” è impreziosita dall’opera dell’artista Giuseppe Veneziano, amico e collaboratore di lunga data di Renato.