Futuro Crotone: “Mensa e trasporto scolastico, dall’amministrazione silenzio assoluto”

Il bando sul trasporto scolastico è andato nuovamente deserto, il 2022 crotonese si conclude, dunque, senza trasporto  e senza mensa. Così scrive Futuro Crotone:

Crediamo di non affermare una cosa errata se diciamo che la scuola rappresenta l’istituzione più importante, nella nostra città e nel nostro territorio. E non esageriamo quando affermiamo che andrebbe curata e rispettata di più e meglio.

Eppure, quest’amministrazione comunale, persa nei suoi futili vaneggiamenti, non fa nulla, nemmeno il minimo necessario, per tutelare e salvaguardare questo grande patrimonio.
Al netto del fatto che in questo periodo abbiamo apprezzato le iniziative che l’amministrazione comunale, congiuntamente ai privati, ha portato avanti. Si è cercato in maniera meritoria, di “regalare” un minimo di normalità e di serenità ad una comunità che ne aveva, e ne ha tanto bisogno.

Ma la normalità non deve e non può essere “straordinaria”, non deve e non può essere episodica, ecco perché lamentiamo il silenzio assoluto sulla vicenda che riguarda i servizi di mensa e trasporto scolastici. Un silenzio che troviamo e riteniamo ingiustificabile, al quale va posto rimedio proprio in questi giorni di festività, in modo tale che per il riavvio delle attività scolastiche i nostri ragazzi e le loro famiglie non abbiano a subire oltre al danno, anche la beffa. Perdurando questa inerzia per altri mesi ancora infatti, nelle scuole elementari e medie di Crotone il servizio di mensa scolastica non sarà effettuato, e i ragazzi e le ragazze non ne potranno quindi usufruire.

Con l’aggravante che alla scuola dell’infanzia, senza il servizio mensa, non potrà essere garantito il tempo pieno, circostanza questa che creerà non poche difficoltà alle giovani famiglie crotonesi, già alle prese con i tanti problemi della crisi economica in atto.

Lo stesso discorso vale anche per il servizio di trasporto scolastico, per il quale purtroppo la gara è andata deserta ancora una volta.
E qui, se fosse possibile, la questione diventa ancor più delicata, in quanto questa mancanza mina alla base il diritto allo studio, oltre a far venire meno l’indispensabile supporto ai bambini disabili.
Da parte del sindaco e della sua Giunta non ci attendiamo una controrisposta alle nostre riflessioni, ci aspettiamo piuttosto fatti ed atti amministrativi che rasserenino le famiglie, in particolare quelle più fragili, costrette in questi mesi ad un vero e proprio calvario, morale e sociale.
Futuro Crotone