Gatti domestici: fedeli alleati per distruggere la fauna selvatica

Gatti domestici: fedeli alleati per distruggere la fauna selvatica

I gatti domestici hanno un’influenza molto negativa sulla fauna selvatica, rivela un nuovo studio pubblicato su Proceedings of the Royal Society B.

I nostri gatti domestici sono infatti i principali vettori di Toxoplasma gondii, un parassita responsabile della toxoplasmosi. Questa malattia è per lo più lieve negli esseri umani, ma può portare a problemi comportamentali, ridotta fertilità o aumento della mortalità in alcuni mammiferi. Si stima che dal 30 al 50% degli esseri umani porti il ??parassita senza saperlo.

I ricercatori dell’Università della Columbia Britannica in Canada hanno esaminato 45.079 casi di toxoplasmosi in 238 specie di mammiferi rivedendo centinaia di studi. Hanno confrontato la prevalenza della malattia con diversi fattori, come la densità umana, le precipitazioni o la temperatura. Di conseguenza, hanno trovato una forte correlazione tra la densità umana e il tasso di urbanizzazione e la prevalenza della toxoplasmosi negli animali selvatici.

“Ci sono circa 600 milioni di gatti domestici nel mondo, molto più di tutti gli altri animali selvatici messi insieme”, afferma Amy Wilson, autrice principale dello studio. Tuttavia, i ceppi di T. gondii dei gatti domestici sono più virulenti e hanno una maggiore infettività rispetto a quelli delle specie selvatiche. Gli animali sono principalmente contaminati dal deflusso contaminato da feci di gatto. Oltre alla trasmissione di malattie, i gatti riducono anche la biodiversità decimando uccelli e piccoli mammiferi.

Fonte: Aduc