Giornata contro l’Omofobia: ancora alto in Italia il numero delle violenze ai danni delle persone Lgbt+

Giornata contro l’Omofobia: ancora alto in Italia il numero delle violenze ai danni delle persone Lgbt+

“Oggi è la Giornata internazionale contro l’omolesbobitransfobia. Potrei ricordare che in Italia è ancora altissimo il numero di episodi di discriminazione e violenza ai danni delle persone LGBTQI+. Potrei ricordare che, anche quest’anno, l’Italia si è collocata ai gradini più bassi della Rainbow Map di Ilga Europe. O potrei parlare di tutto il lavoro che ancora c’è da fare, delle difficoltà della politica di dare risposte efficaci alla domanda di riconoscimento e giustizia che proviene dalle persone LGBTQI+ del nostro Paese. Ma voglio dedicare la giornata di oggi, invece, a chi non si arrende”. Lo scrive in un post su Facebook la sen. Monica Cirinnà, responsabile Diritti del Pd. E aggiunge: “Alle associazioni, che ogni giorno con il loro lavoro sul campo tengono alta l’attenzione sull’urgenza di dare tutele, contrapponendosi con forza a chi continua a diffondere argomenti strumentali, ideologici, oscurantisti, solo perché odia la libertà delle persone. A quelle elette e a quegli eletti che, soprattutto a livello locale, si battono per dare risposte, come accaduto ieri a Milano, dove in una sola seduta di Consiglio comunale sono state approvate – su iniziativa del PD – due mozioni importanti: la prima, a firma del Consigliere Albiani, che proclama Milano zona di libertà per le persone LGBT+; e la seconda, a firma della Consigliera Romano, sull’approvazione del Registro di genere per le persone trans“.

“Dedico questa giornata – prosegue – alle studentesse, agli studenti, alle docenti e ai docenti che, nelle scuole e nelle università non si arrendono e lavorano ogni giorno per costruire, con gli strumenti della libertà e della cultura, una società più libera, più giusta, più inclusiva, che ha il volto della nostra Costituzione, come ha ricordato anche il presidente Mattarella”.

“Anche per questo – conclude Cirinnà – oggi ho deciso di essere a Cisterna di Latina, per dare un segnale forte di presenza e vicinanza. Spesso è proprio nei piccoli centri che le persone si sentono più sole e la cultura patriarcale e gli stereotipi che porta con sé sono più forti. Ma anche lì ci sono tante, tantissime, persone che, con consapevolezza e coraggio, lavorano per i diritti e per l’uguaglianza. Buon 17 maggio a tutte, tutti e tutt”.

Omofobia, sanzioni ad anti-Lgbt+: la proposta del Partito Gay a Regioni e Comuni
La proposta è stata inviata in occasione della Giornata mondiale contro l’omobistransfobia

“In occasione della Giornata mondiale contro l’omobistransfobia (oggi 17 maggio), abbiamo inviato a tutte le Regioni, Province autonome e a tutti gli oltre i 7.900 Comuni, la nostra proposta di delibera che sanziona con una multa di 500 euro chi fa propaganda di odio o discrimina le persone Lgbt+, donne e persone con disabilità, come oggi già avviene per chi lo fa contro neri ed ebrei ad esempio, in assenza di una legge nazionale. Con questa proposta vogliamo fornire a tutte le amministrazioni, che in questi mesi si sono dichiarate sostenitrici della nostra comunità, un possibilità concreta per dare un segnale che contrasti e prevenga l’omobitransfobia”. Così, in una nota, Fabrizio Marrazzo, portavoce Partito Gay per i diritti Lgbt+, Solidale, Ambientalista e Liberale.

“L’applicazione di tale delibera- prosegue- contrasterà anche le discriminazione online che avverranno nei territori dove sarà approvata, nelle scuole, sul luogo di lavoro, dove nessuno più potrà ad esempio definirci malati od inferiori, o se vorrà dovrà pagare le sanzioni. Tali reati pur essendo presenti nella legge contro il razzismo, non venivano estesi alle persone Lgbt+ nella proposta di legge bocciata al Senato, in quanto erano stati eliminati sul tavolo delle mediazioni, svuotando di fatto la legge. Inoltre- spiega ancora il comunicato- il ricavato delle sanzioni andrà a costituire un fondo a disposizione degli Enti per pervenire l’odio contro le persone Lgbt+”.



Articoli Correlati: