Gli studenti dell’Istituto Rosmini per la loro compagna Eleonora

Gli studenti dell’Istituto Rosmini per la loro compagna Eleonora

La Sindrome di Angelman è poco conosciuta, caratterizzata da ritardo grave dello sviluppo psicomotorio, difficoltà gravi nel linguaggio, o addirittura a volte assente, e molti sono ancora i passi da fare per essere studiata e fornire delle terapie efficaci.

Questa mattina, presso piazza della Resistenza, ci hanno pensato gli studenti dell’Istituto Rosmini di Crotone, insieme ai loro genitori e coadiuvati dagli insegnanti, a raccogliere fondi per questa sindrome con la vendita degli oggetti di Natale, utili per decorare casa o per fornire preziosi regali. Munite di buona volontà, sono state le insegnanti dell’Istituto Rosmini e del Principe di Piemonte a incontrare la cittadinanza presso il mercatino solidale di questo Natale 2021.

«A scuola abbiamo una bambina, Eleonora, che soffre della sindrome di Angelman, e  grazie all’aiuto e la disponibilità della nostra dirigente Maria Fontana Ardito  abbiamo organizzato questo banco solidale per aiutare la compagnetta –  ci ha detto l’insegnante dell’Istituto Rosmini Albina Scicchitanisiamo qui per lei. La sua è una sindrome conosciuta molto poco, con pochi casi al mondo, e quindi cerchiamo di dare anche noi il nostro supporto con questi prodotti artigianali, fatti a mano, al feltro, o con materiali di recupero, dopo il laboratorio di Natale a Scuola, e ci sono anche delle pitture fatte a mano».

Nelle scuole, rispetto agli anni passati, si lavora sempre più sull’inclusione: «I bambini che hanno dei deficit  scuola vengono accolti diversamente, e l’istituto è tutto per questi bambini, si fa tutto in funzione per i bambini con la disabilità e un’attenzione particolare in classe. Sono aiutati in tutto, e vi è attenzione della scuola anche alle famiglie».

Insieme, dunque, per aiutare l’associazione Fast per la ricerca su questa sindrome, con appuntamento a martedì 14 dicembre, di mattina, presso la Scuola dell’Infanzia Antonio Rosmini.