“Guitti senza carrozzone” con Lello Arena per condividere un laboratorio teatrale

0

Astorino Pasta – News

Forse è vero che la comicità di una volta non c’è più, ma tra i grandi artisti e comici c’è sicuro Lello Arena, che è a Crotone per tenere fino all’11 Settembre il laboratorio teatrale “Il Comico in Scena – Non c’è Niente di più Comico dell’Infelicità”, condotto proprio dall’attore napoletano che in questi giorni tirerà il meglio dagli attori o dai semplici simpatizzanti del teatro trasmettendo loro non solo le tecniche di recitazione, ma la passione e la condivisione di ideali, e di idee. Il seminario si sta svolgendo presso il Palazzo Barracco di Crotone alternando, a volte, con i locali del Teatro della Maruca di Angelo e Carlo Gallo che fanno da spalla a questa idea comunitaria della libera compagnia teatrale di Vincenzo Leto e Roberta Sestito, ovvero il laboratorio multiculturale di Roccabernarda “Guitti senza carrozzone”.


«Una necessità personale e individuale di loro che svolgeranno questo laboratorio teatrale – ha affermato Lello Arenasi risponde ad un’esigenza semplice, ordinaria, di costruire la cultura, il teatro, di trasferire esperienze». Roccabernarda dunque si mette in moto, trasferendosi per alcuni giorni nella città di Crotone, per condividere con Lello Arena questa ricca esperienza con colui che, con Massimo Troisi ed Enzo Decaro, fondò la compagnia teatrale “La smorfia”: «Tutti pensano che bisogna partire dalle tecniche di recitazione, dalla comicità, dalle regole, ma la cosa che bisogna assolutamente imparare è volersi bene, conoscersi, ed avere la possibilità di essere capaci di ragionare in termini di comunicazione. Solo se mi voglio bene, solo se mi conosco, posso essere in grado di parlare con la gente, di comunicare con il pubblico, di raccontare storie bellissime. Nei laboratori vi sono fermenti, capacità, idee che mai mi sarebbero venute in mente. Quello che portano gli allievi è proprio una ventata di allegria, gioventù, idee assolutamente straordinarie che nemmeno loro sanno di possedere. Quindi sono felice di stare qui a Crotone, sono felice sopratutto di far contento Vincenzo di Guitti, per cui sono curioso di sapere cosa porterò via da questo seminario. È l’occasione pioniera per capire che possiamo stare insieme e fare mille di queste cose».

Le attività dei ragazzi di Roccabernarda, uniti nel collettivo teatrale, incontreranno dunque la figura del comico napoletano, e sono entusiasti nell’apprendere nuove tecniche e scoprire cosa possa offrire un palcoscenico: «Da senza carrozzone è veramente una famiglia – ha aggiunto Vincenzo Letonon è un’associazione, è una vera e propria famiglia. Siamo andati a Soverato dove Lello Arena teneva lo spettacolo Parenti Serpenti, e gli hanno chiesto se voleva incontrare i ragazzi di Roccabernarda. L’attore ha risposto di voler tenere un laboratorio, e quindi questo è un insegnamento per tutti».