Il 18 gennaio in piazza per manifestare vicinanza al Procuratore Gratteri

Il 18 gennaio in piazza per manifestare vicinanza al Procuratore Gratteri

Si ritroveranno davanti al Palazzo della Procura della Repubblica di Catanzaro, il prossimo 18 gennaio alle 11;00, per manifestare vicinanza al Procuratore Capo Dott. Nicola Gratteri, ai Magistrati e a tutte le Forze dell’Ordine. L’iniziativa spontanea è partita dai social network ed ha subito chiamato a raccolta numerosi calabresi.

«Dalla sensibilità della società civile – è scritto in un post pubblicato su facebook e legato all’evento – nasce spontaneamente un comitato di prossimità che intende rimarcare la vicinanza al Procuratore della Repubblica di Catanzaro, Nicola Gratteri, al pool di Magistrati che con lui collaborano insieme alle Forze dell’Ordine, nell’immenso e coraggioso lavoro che stanno realizzando tra mille difficoltà per la Calabria.

I cittadini si propongono quale scudo etico, civico di questi rappresentanti delle istituzioni nel loro impegno, a rischio della vita, per “liberare” la Calabria dal male peggiore che la soffoca, la stritola e la sottomette ogni giorno di più.

L’incontro, dinanzi al Tribunale di Catanzaro dove il Dottor Gratteri e il suo team lavorano, è del tutto privo di connotazioni ideologiche, politiche. L’invito è fatto solo a chi, con la sua presenza, vuole manifestare la propria solidarietà e gratitudine: nessuno slogan, solo un senso di vicinanza, di prossimità. Cittadine e cittadini liberamente uniti solo da uno scopo: schierarsi al fianco delle istituzioni, quando da queste si sentono tutelate e le vedono rappresentate da servitori che ne incarnano i valori.

Non facciamoli sentire soli: in passato abbiamo assistito inermi a forme di isolamento nei confronti del pool antimafia di Palermo (Rocco Chinnici, Giovanni Falcone, Paolo Borsellino). Non deve succedere mai più, né in Calabria, né altrove. Noi ci saremo il 18 gennaio, a Catanzaro, alle 11,00, per dire che ci saremo sempre, anche quando non ci vedrete in piazza. Ma, intanto, il 18 gennaio tutti insieme al loro fianco».