Il consigliere Arcuri sul sindaco Voce: “Crotone non merita un inciucio”

Il consigliere Arcuri sul sindaco Voce: “Crotone non merita un inciucio”

Così scrive il consigliere comunale Danilo Arcuri sull’amministrazione Voce:

L’esperienza amministrativa del sindaco Voce è ormai giunta al capolinea.  Stiamo, tristemente, assistendo agli ultimi rantoli di una maggioranza che si è dissolta strada facendo e che oggi non ha più i numeri per governare.  Lo spettacolo a cui la città sta assistendo negli ultimi giorni è veramente deprimente. Non solo il sindaco Voce ha scientificamente evitato di affrontare la crisi della sua maggioranza alla luce del sole, ma alle critiche di alcuni suoi ex consiglieri, ha calato il solito scenario di dileggi ed offese. Una sceneggiatura già vista e rivista in questi quasi due anni di amministrazione.

Chi non la pensa come lui viene messo alla gogna, annullando qualsiasi tentativo di confronto democratico o di sacrosanta critica ad un governo della città che in venti mesi non ha combinato proprio nulla.
Il tentativo di tenere in piedi questa fallimentare amministrazione con accordi contro natura rivela, poi, la totale assenza di visione e di programma del sindaco e dei suoi accoliti.
La città non merita e non accetterà mai un inciucio di queste dimensioni, che svela solo la voglia di potere e di poltrone di alcuni personaggi di cui Crotone farebbe volentieri a meno.
Altro che la tutela della città, il sindaco ha a cuore soltanto biechi ed oscuri egoismi, e la cura degli interessi occulti di quei gruppi di potere che da tempo tirano le fila di questa amministrazione.
Il sindaco ha davanti due strade: o, se ne è capace, dare una reale svolta alla sua attività amministrativa e cercare di realizzare i progetti e di mettere a frutto la montagna di risorse ereditate da quel passato di cui tanto ama parlare male, oppure, senza una maggioranza, consegnare le sue dimissioni e ridare la parola ai cittadini.

Crotone non capirebbe altre strade che porterebbero questa amministrazione a vivacchiare per qualche altro mesetto mettendo a serio repentaglio il futuro della comunità.
Per una volta, per la prima volta, che il sindaco faccia gli interessi della città.

Il capocruppo
Danilo Arcuri