Il cortometraggio “Amal” protagonista alla rassegna Lucca Film Festival 2020

Il cortometraggio “Amal” protagonista alla rassegna Lucca Film Festival 2020

Un lavoro portato avanti da alcuni anni con pazienza e perseveranza, si tratta del cortometraggio “Amal” opera scritta dai calabresi Matteo Russo, Luisa Gigliotti e Antonio Buscema. Protagonista è l’attore tunisino Mohamed Zouaoui, premiato con il Globo d’Oro nel 2011 come migliore attore rivelazione, affiancato dall’attrice Mariam Al Farjan che interpreta nell’opera il ruolo della donna. Il cortometraggio è stato inserito in selezione al concorso internazionale di cortometraggi del Lucca Film Festival e Europa Cinema svolto dal 24 settembre al 4 ottobre e presentato nella giornata del 2 ottobre.

Amal racconta la storia di un uomo burbero e silenzioso rimasto solo al mondo che decide di trascorrere la sua esistenza ai margini del villaggio impiegando tutto il suo tempo ad aggiustare una vecchia auto che ha trasformato in un’abitazione. Il ricordo della perdita della donna amata continua a tormentarlo: lasciare tutto e partire alla ricerca di un posto dove poter ricominciare sembra l’unica soluzione per l’uomo. Ma presto capirà che l’unico viaggio da compiere è dentro se stesso. Amal è prodotto da Makè Film che ha già sposato due precedenti lavori di Matteo Russo, Amare Affondo e Tell me your name.

Un lavoro co-prodotto da NAFFINTUSI Cinema And Audiovisual Art con distribuzione festivaliera curata da Premiere Film, da annotare la presenza del patrocinio da parte di Unicef . Nella giornata del 25 settembre per Amal è giunta la Menzione Speciale della giuria in occasione del ventesimo Festival Internazionale del Cinema di Frontiera che si tiene annualmente in piazza Regina Margherita e nella Tonnara a Marzamemi, con proiezioni di film e cortometraggi provenienti dalle diverse zone del mondo, con una sensibilità appunto di “frontiera”. Un viaggio all’interno della fragilità dell’animo umano, tra debolezze, difficoltà, disillusioni.