Il Crotone chiamato alla prima vittoria in trasferta: i rossoblù incontrano l’autore della prima promozione in Serie A

Il Crotone chiamato alla prima vittoria in trasferta: i rossoblù incontrano l’autore della prima promozione in Serie A

#VeronaCrotone | É tempo di smuovere la classifica e fare punti per poter sperare nella salvezza del Crotone in Serie A. Domani gli squali incontreranno Ivan Juric, ex calciatore rossoblù e poi autore della prima storica promozione della squadra nella massima serie calcistica.

«Spero che la mia squadra non ricada in errori gratuiti – ha detto mister Giovanni Stroppa presentando la partita di domani – quindi alzare al massimo l’attenzione nel fare le cose, poi per il resto la squadra c’è, le prestazioni ci sono, purtroppo mancano nelle cose salienti, visti anche i goal che abbiamo preso con la Roma, sicuramente evitabili, il veleno in corpo, il furore di non regalare cose, ripeto, gratuite. Per quello che riguarda il Verona la squadra ormai con una identità consolidata, lavorano benissimo insieme, chiunque giochi va a tremila all’ora e Juric è straordinario in quello che sta facendo».


Il Crotone non ha migliorato la sua classifica, rimanendo ultima in classifica. Non ha mai vinto in trasferta: «Il primo tempo con la Roma secondo me è stato giocato molto più che discretamente. Abbiamo creato anche le occasioni, non siamo stati così bravi, poi per il resto nel secondo tempo siamo stati molto equilibrati a non concedere goleade e infatti non abbiamo mai rischiato, perchè vado a vedere le occasioni create dalla Roma, purtroppo dico tre, e sono tre goal che sicuramente che ci hanno condizionato la partita».

Il Verona è nono in classifica con 6 vittorie, altrettanti pareggi e 4 sconfitte: «Bisogna fare assolutamente punti, fortunatamente pur avendo questo trend negativo e i numeri lo confermano, siamo sempre nella possibilità a distanza di una partita, di una vittoria, e quindi di pochi punti, a star qui a parlare di un campionato diverso, abbiamo fatto molto bene prima di Natale e abbiamo visto poi la classifica che si stava aprendo a cose diverse, allo stesso modo dobbiamo continuare a pensare, perchè la squadra si allena benissimo, ha un’ottima qualità nel fare le cose, dobbiamo fare meglio, migliore dove sappiamo già, mancano i punti e bisogna lavorare per i punti. Manca davvero poco per poter combattere in maniera migliore rispetto a quello che stiamo facendo».

Molina nell’ultima partita disputata è stato spostato sulla fascia, un’opzione che potrebbe riproporsi: «Variazioni nel modulo devo dire che quando abbiam messo le due punte con Messias a trequarti mi è piaciuto, potrebbe essere un’opzione. Per quanto riguarda Molina è stata una necessità perchè Pereira era in difficoltà. Quindi sarà sicuramente riproposto».

La squadra perde Luca Marrone per un infortunio e non giocherò per due settimane, il tecnico ha così risposto in merito alla difesa schierata con la Roma: «Io penso che possa giocare Djidji e poi per gli altri ruoli siamo obbligati. E poi vediamo fra Luperto e Cuomo a sinistra. In avanti penso che Riviere in questo momento sia avvantaggiato, ha una condizione migliore, l’ho fatto riposare mercoledì. Con queste tre partite ravvicinate contro squadre che potevano farti correre, e domani sarà un’altra partita di dispendio fisico importante, era giusto poterli alternare».

Mister Stroppa è sicuro: «Dal punto di vista tattico non cambio, non stravolgo nulla. La squadra ha un’identità straordinaria in campo, e quindi non credo di poter essere smentito, c’è soltanto da migliorare la fase di non possesso negli ultimi metri, nelle marcature, nella cattiveria, a voler difendere il risultato».

Leggi qui i convocati di mister Stroppa, mentre qui la conferenza stampa di Ivan Juric.