Il Crotone nello scontro diretto col Pordenone: adesso grinta e fame di vittoria

Il Crotone nello scontro diretto col Pordenone: adesso grinta e fame di vittoria


Il Crotone di Giovanni Stroppa è chiamato a disputare domani sul campo della Dacia Arena la quindicesima giornata di Serie B. Di fronte gli squali la neopromossa Pordenone allenata da Attilio Tesser:

«Il Pordenone si affronta come abbiamo affrontato il Cittadella – ha detto il tecnico rossoblù –  con molte similitudini per capacità di imporsi sul campo, abbiamo la stessa classifica e quindi dimostra le capacità di questa squadra, anche se è neopromossa ha tutte le caratteristiche per essere protagonista di questo campionato, e lo ha dimostrato».

Mister Stroppa si è soffermato sulle assenze della squadra:

«Un pochino davanti c’è questo uso continuo di assenze, stiamo recuperando qualcuno, abbiamo recuperato Vido, Nalini, qualcosa ci manca perchè è chiaro che la ciliegina sulla torta che doveva essere Maxi Lopez non lo abbiamo mai avuto a disposizione, e questo è un fattore. Questa squadra, un buon attacco, siamo stati primi per tanto tempo, nonostante le assenze significa che chi c’è sta facendo qualcosa di positivo.- In mezzo al campo siamo contati, abbiamo fatto una buona partita a centrocampo con Messias e Crociata, Zanellato e Benali che avevano dato fisionomia alla squadra ci stanno mancando. Le grandi squadre sono composte da doppi ruoli e qualità di doppi ruoli. Come qualità non ci manca nulla. Abbiamo caratteristiche diverse, bisogna metterle in pratica, perchè la differenza la fa l’individualità, bisogna fare qualcosa in più. Parlo delle occasioni che abbiamo, non è solo questioni di attaccanti ma di chi si avvicina davanti alla porta, bisogna fare un passo di qualità».

Il Pordenone, avversaria di domani, è reduce da una sconfitta esterna in casa Pisa:

«È una squadra che in casa non ha mai perso, indipendentemente che possa giocare a Udine o no nella casella trasferta/casa in casa non ha mai perso. Quello che deve fare il Crotone deve mettere attenzione in più, se non attenzione totale  negli episodi. C’è quel macigno su una mancata marcatura o su calcio d’angolo all’87, per una squadra che è in emergenza, quindi uomo in meno, che deve portare a casa la vita… tu non puoi concedere, mettiamo attenzione negli episodi, poi per il resto la partita sporca l’abbiamo fatta, la squadra farà la prestazione anche domani, sono gli episodi che fanno la differenza, che ci portano punti in meno». 

Il difensore Luca Marrone ha avvertito il riacutizzarsi del fastidio all’adduttore, mentre  Guillaume Gigliotti ha risentito un affaticamento:

«Marrone non lo vogliamo rischiare, pensavamo di portarlo e farlo giocare, ma sinceramente non vorremmo privarci qualora non andasse bene domani nelle prossime partite. Meglio recuperarlo».