Il Crotone pronto alla sfida col Cittadella: una gara decisiva

Il Crotone pronto alla sfida col Cittadella: una gara decisiva


Nuova sfida sul cammino del Crotone, in programma il match della trentaduesima giornata sul terreno di gioco del Cittadella. Una gara importantissima per i rossoblu, un nuovo esame sul cammino della vice capolista. A presentare la gara è il tecnico Giovanni Stroppa.

«Come è accaduto nelle ultime partite sicuramente possiamo dire che ci siano avversari temibili, importanti e in forma per la lotta per la promozione. Reputo il Cittadella una delle “Big” del campionato, lo sta dimostrando, affronteremo questa gara con la massima attenzione».

In settimana il calciatore granata Branca ha affermato che la sfida sarà aperta e sopratutto bella.

«Credo di si, le squadre stanno dimostrando assoluto valore in questo campionato. Come successo contro il Benevento sarà una partita bella da vedere».

Il tecnico non da indicazioni sull’impiego dal primo minuto di Simy e Gerbo, tra i protagonisti dell’ultimo match.

«Non lo so, vedremo. Sicuramente hanno messo in atto prestazioni importanti, non solo loro ma tutti. La squadra sta crescendo sotto l’aspetto fisico e mentale e questo è un ulteriore conferma di quanto la rosa ci tenga a mantenere questa posizione. Sono assolutamente contento, sopratutto di chi non sta giocando.

Capitolo infortunati, il tecnico fa il punto della situazione.

«Spolli sarà pronto per il Pordenone, Mazzotta e Jankovic sono invece già disponibili».

Una squadra, il Cittadella, che sembra più competitiva per caratteristiche in trasferta rispetto ai match del “Tombolato”.

«Sono una squadra forte sia in casa che in trasferta, per quanto riguarda noi dovremo fare le cose che sappiamo fare cercando di migliorarci. Non vedo altre situazioni da considerare, la squadra deve crescere, mantenere l’attenzione e fare bene se non benissimo il suo compito».

Dopo una vittoria importante contro la capolista si corre il rischio di una riduzione dell’attenzione.

«Sarà impegnativo come tutte le gare, dovremo avere massima concentrazione. Non voglio parlare di motivazioni inferiori, la squadra cresce con la testa, ci saranno sempre meno gara da qua alla fine e ogni risultato che andremo ad ottenere sarà sempre più fondamentale per l’obiettivo finale».

L.V.

 


Come possiamo esserle utili? Chatta con noi