Il Crotone pronto alla trasferta di Chiavari: per Stroppa uno svantaggio giocare a porte chiuse

Il Crotone pronto alla trasferta di Chiavari: per Stroppa uno svantaggio giocare a porte chiuse

Giornate di incertezze a causa dei recenti avvenimenti legati all’epidemia da Coronavirus, il calcio non si ferma e prova a dare l’esempio da seguire. Dopo la vittoria casalinga contro il Pescara, gli squali tornano in campo al Aldo Gastaldi contro la formazione del Virtus Entella. «Per me è sempre uno svantaggio giocare a porte chiuse – ha detto il tecnico Giovanni Stroppa nel presentare la partita in sala stampa – anche se giochi fuori casa, non m,i piace il calcio così. Il calcio è per aprire le porte, ci adeguiamo, anche se non è una situazione normale».

Zanellato prosegue il programma di recupero dall’infortunio. La formazione del Crotone sta bene, ha detto il tecnico, mentre Maxi Lopez fuori per scelta tecnica. Su possibili turn over si è così espresso: «Ne parleremo dopo la partita con l’Entella, vediamo cosa ci potrà riservare da acciacchi vari. In questo momento la squadra per qualità ed equilibrio è pronta, l’unico dubbio potrebbe essere Curado con Golemic. Per il resto non mi sembra il caso di cambiare, anche se Crociata lo considero pronto, titolare a tutti gli effetti».

L’Entella di Roberto Boscaglia è reduce da una sconfitta esterna con il Benevento; lotterà per un posto nei play off: «Per me è uno scontro diretto, perchè sono qualche punto dietro, ma a distanza di una vittoria si possono riaffacciare, quindi dobbiamo affrontarla come tale, come uno scontro diretto. È una partita difficilissima sapendo delle nostre qualità, bisogna cercare di vincerla, ma sapendo anche chi abbiamo di fronte».

Poi è tornato sulla sua squadra: «Ai miei ragazzi piace questa idea di gioco, e a me piace trasmetterla. La squadra è lì da vedere, cresce sempre di più, con difetti, questo è chiaro, però poche volte abbiamo steccato. La partita giocata a Castellammare di Stabia è stata molto più precisa dal punto di vista della prestazione che quella giocata col Pescara dove abbiamo vinto 4-1». E sull’epidemia Coronavirus ha detto: «Mi fido dei medici».

 

Post Correlati