Il crotonese Argirò ai nastri di partenza della London Marathon

Il crotonese Argirò ai nastri di partenza della London Marathon

Questa volta, dopo la grave pandemia che ha colpito tutto il mondo e che ha bloccato i grandi eventi internazionali, si torna a correre sul serio e saranno le strade della capitale inglese ad essere percorse dal nostro concittadino Alfredo Argiro’, tesserato con la società piemontese del Gruppo Sportivo Interforze Torino, che cercherà ancora una volta di portare quanto più in alto i colori pitagorici, nella 42^ edizione della TDS LONDON Marathon, gara dal percorso che potrebbe portare soddisfazioni, sempre personali, al runner crotonese e che prenderà il via alle ore 10:10 locali, 11:10 in Italia, di domenica 2 ottobre p.v. da Blackheath in Greenwich con arrivo in the Mall.

La maratona inglese, che quest’anno vedrà alla partenza circa 50.000 partecipanti, è la 4^ manifestazione delle Major Six Marathon che il podista rossoblù ha deciso di percorrere e portare al termine, e dopo aver calcato le vie di Berlino, Chicago, New York (per ben 3 volte) sarà appunto Londra la tappa numero 4. Al grande traguardo del conseguimento del mega medaglione contenente tutte le Major, mancheranno poi solamente, si fa per dire, la maratona di Tokio e la storica gara di Boston.

La preparazione è agli sgoccioli nonostante il grande caldo torrido che ci ha attanagliato quest’estate, il coach Marco Gaveglio che segue, ormai da anni, il corridore crotonese, incita a dare il massimo in virtù di minuziosi e dettagliati allenamenti andati a buon fine. Il partner sportivo, sarà come sempre, visto che ha sposato anche lui il progetto di Argiro’, di portare la legalità e sportività crotonese in tutto il globo, il grande maestro orafo Michele Affidato del quale non si esclude la presenza proprio il giorno della gara per poter incitare dal vivo il runner rossoblù.

Si uniscono alla pattuglia dei sostenitori di Alfredo, anche Roberta Procopio e Giampiero Caruso del Villlage&Resort SantaMonica. Sicuramente non mancheranno le emozioni nel cuore di Alfredo Argiro’ in gara, in una città moderna ed antica allo stesso tempo come Londra.