Il Poliambulatorio Annunziata apre le sue porte alla prevenzione

Il Poliambulatorio Annunziata apre le sue porte alla prevenzione

Isola di Capo Rizzuto (KR) – Il Poliambulatorio Annunziata, già ex Misericordia, dal settembre 2019 attraverso la società VPmedica SRL ha una nuova veste che ha voluto però, mantenere lo spirito e il progetto di assistenza sanitaria, di alto profilo sul territorio di Isola di Capo Rizzuto, nati nel 2012. Grazie al contributo del Direttore Sanitario della struttura , il dott. Carmine Parisi che ha appoggiato sin dall’inizio l’operato del Dott. Vincenzo Petrocca, amministratore della società VPmedica srl. Il Poliambulatorio Annunziata rappresenta un patrimonio di qualità medica al servizio della comunità non solo di Isola C.R., il quale si distingue nell’offrire servizi medici di alta specializzazione con figure professionali di elevata eccellenza in ogni branca medica e chirurgica, nonché per le cure e terapie riabilitative.

Il Poliambulatorio è dotato di strumentazioni mediche di ultima generazione. Uno degli obiettivi è soprattuto la prevenzione come unico strumento efficace per combattere diverse patologie che, se trascurate o non rilevate in tempo, possono portare a gravi problemi di salute. Nelle scorse settimane si è conclusa la campagna di screening per la prevenzione del tumore al seno e del melanoma, un appuntamento diventato ricorrente nel corso degli anni, organizzato e promosso dal Poliambulatorio Annunziata.

A prestarsi a questa nobile causa il Prof. Cesare Bartoli, Oncologo in pensione presso l’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano. Cittadino Onorario di Isola di Capo Rizzuto, il prof. Bartoli è da oltre quarant’anni innamorato di questo territorio a cui rimane fortemente legato, aiutando e spendendosi con la sua professione, offrendo la sua opera volontaria a favore della comunità.

Per quattro settimane il Poliambulatorio Annunziata ha aperto le sue porte accogliendo oltre 240 pazienti, di cui alcuni provenienti anche dalla vicina città di Crotone, garantendo un servizio importantissimo a fronte di un semplice contributo dei pazienti. Da evidenziare è soprattutto la crescita del 30-40% del numero dei cittadini che hanno deciso di approfittare di questa campagna rispetto all’anno precedente, un dato che ne valorizza l’importanza ancor più sorprendente perchè ottenuta senza campagne pubblicitarie ma sfruttando un semplice strumento come il passa parola.

Un servizio apprezzato dalla popolazione, che si spera possa proseguire in futuro con una nuova campagna di prevenzione. Sono molteplici le collaborazioni condotte dal Poliambulatorio e in continuità con il passato , come la raccolta di sangue promossa dal Gruppo di Donatori di Sangue “Fratres”, sposando allo stesso tempo anche altri appuntamenti mediante affiliazione con la Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori (LILT). Nel corso degli anni le donne si sono dimostrate più propense a partecipare alle campagne di prevenzione, rimangono invece più restii gli uomini anche se qualcosa, nell’ultimo periodo sembra essere cambiato.

Tra le campagne ospitate vanno ricordate quella legata alla prevenzione del tumore alla tiroide, che sarà riproposta a ottobre, quella di prevenzione di patologie maschili ( prostata e varicocele), la campagna di prevenzione dell’ipertensione, del diabete e quella legata al tumore alla pelle, il melanoma.

Leonardo Vallone