Il Prefetto Cosima Di Stani ha salutato la città di Crotone

Il Prefetto Cosima Di Stani ha salutato la città di Crotone

Concerto di Natale dei Bersaglieri presso l'Istituto Comprensivo di Papanice

Con una cerimonia pubblica presso l’Istituto Comprensivo di Papanice, il Prefetto Cosima Di Stani ha voluto salutare la città di Crotone dove si è insediata un anno e mezzo fa. Al suo posto lunedì 17 dicembre verrà presentato il nuovo Prefetto di Crotone Ferdinando Guida. Cosima Di Stani ha scelto la scuola elementare per testimoniare l’attenzione costante al territorio crotonese: “Gli abitanti di Papanice – ha dichiarato – hanno posto da sempre al Prefetto di Crotone l’esigenza di avvertire le istituzioni più vicine al territorio. Spero di aver interpretato questa esigenza venendo spesso a Papanice“.

Alla cerimonia pubblica hanno preso parte i bambini dell’istituto comprensivo accompagnati dai loro insegnanti, il sindaco di Crotone Ugo Pugliese, il dirigente scolastico Franco Rizzuto, Rosanna Barbieri coordinatore dell’Ufficio Scolastico Provinciale e tutte le autorità civili e militari.

I bambini della scuola elementare hanno accolto la Fanfara Primo Reggimento Bersaglieri di Cosenza con stupore e curiosità ai brani eseguiti con le trombe per salutare il Prefetto uscente, con un concerto di Natale appositamente preparato per loro, ascoltando all’inizio tutti in piedi l’Inno di Mameli e poi alcune marce.

Durante i saluti, il Prefetto Cosima Di Stani ha consegnato al Cavaliere Fioramante Scerbo e al signor Gennaro Scicchitano le benemerenze civiche.

Il ricordo maggiore che porterò con me a Caltanissetta –  ha detto il Prefettoè l’affetto, quello che mi ha più colpito e commosso di questi miei quattro anni in Calabria è l’affetto della Calabria. Lascio la Calabria ma non voglio lasciare l’affetto dei calabresi”.

Prima del commiato, ha tracciato un piccolo bilancio dell’attività svolta a Crotone e un augurio al nuovo Prefetto Ferdinando Guida: “non tocca fare a me un bilancio di quest’anno e mezzo, io ho lavorato con il cuore, non soltanto con la testa ma anche con il cuore, cercando di comprendere le esigenze del territorio e dare delle possibili risposte. Quanto io ci sia riuscita non lo so, ma posso testimoniare il mio impegno per la comunità crotonese.

Al nuovo Prefetto auguro buon lavoro, il mio auspicio – ha concluso – è che possa lavorare subito e al meglio al protocollo della sicurezza sui posti di lavoro“.

Fanfara Primo Reggimento Bersaglieri di Cosenza