Il progetto Open Data del Filolao accende i riflettori sul nuovo teatro comunale

Il progetto Open Data del Filolao accende i riflettori sul nuovo teatro comunale

Scaturiscono non solo numeri ma la passione per la propria città nel progetto Open Data “Si apra il sipario” promosso dagli alunni del Liceo Scientifico “Filolao”. Gli alunni della 3 d, coordinati dalla professoressa Giuseppina De Simone, nell’ambito del programma Open Coesione, hanno promosso un monitoraggio civico che ha come oggetto il Teatro Comunale “Warner Bentivegna”. Gli alunni hanno esaminato gli interventi che si sono succeduti per la realizzazione del Teatro.

I ragazzi sono ottimisti, nonostante siano passati quattordici anni dall’inizio dei lavori. I dati emersi e consultati dagli studenti tramite il portale del Comune di Crotone, evidenziano tre finanziamenti a partire dal 2003 pari quasi a 13 milioni di euro. Hanno ricostruito la storia travagliata fatta di contenziosi, perizie che hanno dovuto far fronte a cambiamenti e ditte che si sono aggiudicate i lavori. Gli studenti non hanno finito il loro lavoro. Si sono valsi, inoltre, della collaborazione del G.A.L. Kroton, con il presidente Natale Carvello: «Siamo qui – ha detto – perchè questo progetto è una forma attiva della partecipazione dei giovani al loro territorio. Quest’opera presenta diverse criticità, analizzata dai ragazzi nell’aspetto pratico e procedurale che sconvolgono un osservatore. Un’opera non può durare quindici anni». I crotonesi hanno voluto intitolare il nuovo teatro comunale ad un uomo di teatro, Warner Bentivegna, un attore nato proprio a Crotone, frutto di un sondaggio popolare effettuato attraverso la pagina social del Comune.

In particolare hanno evidenziato l’importanza della struttura anche per la possibilità che verrà data ai giovani, attraverso i laboratori già realizzati all’interno del “Warner Bentivegna”, di poter avere spazio per la loro creatività. L’assessore ai lavori pubblici Pedace ha evidenziato l’accelerazione al completamento della struttura che si auspica potrà diventare patrimonio comune entro la fine del 2019, una volta completati gli ultimi lavori esterni: «abbiamo attivato le ultime procedure – ha affermato – commissione di gara fatta, si riunirà per iniziare a valutare le analisi delle offerte». La direzione artistica del Crotone sarà affidata tramite un bando ad evidenza pubblica. A questo prima presentazione del lavoro fino ad oggi svolto hanno partecipato inoltre la dott.ssa Ivonne Spadafora responsabile del Dipartimento Programmazione Nazionale e Comunitaria della Regione Calabria, Francesco Vignis responsabile dell’Ufficio Comunicazione del Comune di Crotone. Ha portato il suo saluto la dirigente scolastica Antonella Romeo.