Il sindaco di Catanzaro: “Pietre contro i crotonesi, da respingere le sottili allusioni del senatore Rapani”

Il sindaco di Catanzaro: “Pietre contro i crotonesi, da respingere le sottili allusioni del senatore Rapani”

Il senatore Rapani aveva presentato un’interrogazione parlamentare al Ministro dell’Interno, sull’atto che ha visto i pullman dei tifosi colpiti dalle pietre dopo la partita Catanzaro-Crotone (leggi qui). Così ha risposto il primo cittadino di Catanzaro Nicola Fiorita:

“Le sottili allusioni del senatore Rapani su un ruolo se non compiacente, quanto meno superficiale, della Questura di Catanzaro in occasione dei disordini accaduti durante il derby Catanzaro-Crotone sono totalmente da respingere. Le forze di polizia hanno fronteggiato la delicata situazione con professionalità e pagando anche un prezzo con il ferimento di un sottoufficiale da parte di un tifoso crotonese.

La sua partigiana ricostruzione dell’episodio, da me fermamente condannato, della sassaiola contro i pullman dei supporter rossoblu, getta ombre inaccettabili sul comportamento della Polizia di Stato e sulla questura di Catanzaro. Ho personalmente deprecato all’indomani della partita ogni forma di violenza, ma non accetto che un Senatore della Repubblica, per fini evidentemente politici, metta in discussione la correttezza di una Città, ribaltando clamorosamente le risultanze investigative sui fatti accaduti durante il derby e i provvedimenti adottati dalla stessa questura di Catanzaro. Non ho dubbi che il ministro dell’interno, nella risposta all’interrogazione del senatore Rapani, ribadirà l’ottimo lavoro fatto dalla Polizia di Stato e l’assurdità delle velate accuse lanciate dall’esponente di Fratelli d’Italia”.