Infortuni sul lavoro, l’Anmil divulga i dati

Iniziativa anche a Crotone per la Giornata nazionale per le vittime degli incidenti sul lavoro
0

Aurum – News

Da gennaio ad agosto 2019 sono 505 infortuni sul lavoro denunciati a Crotone, il 2,25 in più rispetto allo stesso periodo del 2018 quando il numero si è fermato a 494; tre invece gli infortuni mortali denunciati, lo scorso anno erano 4 sempre fino ad agosto. In calo invece le denunce di malattie professionali, se nel 2018 il numero era 256 nel 2019 è di 239 (-2,2%).

Sono questi alcuni dei dati che l’Anmil di Crotone ha divulgato ieri in occasione della 69esima Giornata Nazionale per le vittime degli incidenti sul lavoro. La manifestazione ha avuto inizio con un corteo che da Corso Mazzini ha raggiunto la chiesa di san Domenico dove è stata celebrata una messa in ricordo di tutte le vittime del lavoro, poi, sempre in corteo e accompagnati dalla banda musicale, i partecipanti hanno raggiunto il monumento dedicato ai caduti sul lavoro dove è stata deposta una corona di fiori.

La campagna di sensibilizzazione dell’Anmil

Quest’anno per promuovere la Giornata l’Anmil ha promosso una campagna di sensibilizzazione composta da tre spot trasmessi dalle principali emittenti televisive nazionali e locali. La campagna, realizzata dal regista Marco Toscani si intitola ‘Non raccontiamoci favole’ e mira a comunicare con ironia e delicatezza l’importanza della salute e della sicurezza sul lavoro attraverso brevi scene ispirate ad alcune tra le favole più famose, in chiave ‘lavorativa’: Pinocchio, La bella addormentata, Peter Pan e Capitan Uncino.

Gli spot sono accomunati dallo slogan ‘Non raccontiamoci favole… sul lavoro non c’è sempre il lieto fine’. Un modo per dire, con una punta di amarezza, che nella realtà gli incidenti sul lavoro hanno finali tutt’altro che favolistici. Per sottolineare la valenza universale di questo drammatico tema, gli spot sono stati tradotti in diverse lingue: italiano, inglese, spagnolo e giapponese.

I numeri nazionali

Lo scorso anno sono stati denunciati all’INAIL oltre 645.000 infortuni, di cui 1.218 mortali. Gli incidenti mortali sono aumentati, rispetto allo scorso anno, di ben il 6%, con una media di oltre 3 morti ogni giorno. Un bollettino che sta proseguendo, con la stessa gravità, anche nel 2019.