Infrastrutture, si sollecita la presenza del Governo a Crotone

Infrastrutture, si sollecita la presenza del Governo a Crotone

Infrastrutture, si sollecita la presenza del Governo a Crotone

La questione infrastrutturale rimane un nodo critico per lo sviluppo della provincia di Crotone e della regione Calabria. La tematica ha suscitato l’attenzione di esponenti del Governo che stanno visitando varie province, ad eccezione di Crotone. “La nostra regione sta ricevendo in queste settimane la visita di numerosi esponenti del Governo, interessati soprattutto alla delicata questione infrastrutturale – è il commento del Commissario straordinario della Camera di commercio di Crotone Alfio PuglieseIn particolare, nei giorni scorsi Gioia Tauro ha ricevuto la visita del viceministro alle Infrastrutture, Alessandro Morelli; mentre il sottosegretario al ministero delle Infrastrutture Giancarlo Cancelleri, ha partecipato alla presentazione del progetto per i lavori necessari alla realizzazione della Statale 106 per quanto concerne la tratta Sibari-Rossano”.

Ciò è un positivo segnale di attenzione verso la nostra regione – prosegue Alfio Pugliesema, al contempo, ci lascia perplessi e preoccupati poiché nessuna visita ha interessato la provincia di Crotone, che è quella più isolata dal punto di vista infrastrutturale. E’ ben noto che tale isolamento incide pesantemente sulla mancanza di investimenti e, di conseguenza, sul tasso di disoccupazione, il più elevato d’Italia”.
“Invitiamo, pertanto, il Ministro delle Infrastrutture a visitare la provincia di Crotone per toccare con mano lo stato di deficit infrastrutturale del territorio – conclude   – La provincia di Crotone è probabilmente l’unica provincia d’Italia in cui vi sono tutte le tipologie di infrastruttura (viaria, ferroviaria, portuale e aeroportuale) ma nessuna di queste viene sviluppata e valorizzata a servizio del territorio. Questa situazione deve terminare se si vuole veramente contribuire a salvare le sorti di Crotone. Auspichiamo che la visita del Ministro avvenga in tempi rapidi anche al fine di individuare nell’ambito del Piano nazionale di Ripresa e Resilienza le risorse idonee per i progetti di sviluppo infrastrutturale destinati al nostro territorio”.