Inizia la stagione crocieristica, martedì approda la Viking Sky

Arriveranno navi fino a dicembre. L’obiettivo è quello di vivacizzare la proposta turistica dodici mesi all’anno

Approderà il 27 marzo la prima delle nove navi da crociera che arriveranno a Crotone nel corso del 2018. La Viking Sky, con i suoi 930 passeggeri, provenienti dall’America e dal nord europa darà dunque il via alla nuova stagione crocieristica organizzata da Alfa 21 con il supporto del Comune di Crotone.

Toccherà poi alla la Viking Star, la Seabourne Encore, la Viking Spirit, la Mystic Cruises, la Seabourne Encore, la Seabourn Odyssey e la Saga Sapphire. Un battesimo che l’intera città si augura possa portare l’introito annunciato nel corso della presentazione della stagione, avvenuta a settembre dello scorso anno quando il sindaco Ugo Pugliese, insieme a Sabrina Gentile, assessore alle Attività Produttive, Giuseppe Frisenda, assessore al Turismo, Gregorio Mungari, presidente della società Alfa 21, hanno dichirato che le navi dovrebbero portare oltre 272 mila euro al territorio.

Il calendario crocieristico ha una particolarità non indifferente è infatti previsto l’arrivo di navi in tutte le stagioni. L’ultimo approdo è infatti fissato per il 5 dicembre. Una scelta ponderata mirata alla destagionalizzazione del turismo nella nostra città e nell’intera provincia. A confermarlo sono anche le parole dell’assessore Frisenda che, all’indomani dei dati sul turismo pubblicato dall’Istat ha sottolineato come, nel 2017 «Crotone non è stata solo estate, ma una meta da frequentare dodici mesi all’anno.

I numeri registrati ad esempio dal museo civico e dagli altri siti come il Castello Carlo sono esemplificativi in questo senso», l’amministratore ha inoltre aggiunto: «Il trend è in crescita ed a tale riguardo stiamo lavorando all’Osservatorio Turistico, una innovazione in materia anche questa, allo studio dei flussi turistici ed all’analisi dell’offerta ricettiva. Questo per avere un quadro completo ed esaustivo del pianeta turismo e per poter operare con maggiore incisività ed arrivare a quella definizione di turismo che porti alla nostra città sviluppo economico e sociale». Ora però, tocca anche alla città. Ci auguriamo che il nostro biglietto da visita sia degno di una città a vocazione turistica. Ci auguriamo che turisti possano trovare strade pulite, verde curato e negozi aperti.