Isola di Capo Rizzuto, Castello Aragonese a rischio chiusura anche questa estate

Isola di Capo Rizzuto, Castello Aragonese a rischio chiusura anche questa estate


Isola di Capo Rizzuto – Un simbolo di questa terra, un patrimonio di tutti i cittadini isolitai ed in particolare dei castellesi. Il maestoso Castello Aragonese di Le Castella, emblema del territorio e della Calabria in tutto il mondo rischia di ammainare la sua bandiera anche in questa stagione estiva. Il grido d’allarme arriva direttamente dall’amministrazione comunale che, nella giornata di oggi ha voluto incontrare gli organi di stampa presso la Sala Consiliare del Comune per fare il punto sulla tematica legata ad una sua possibile riapertura. Presenti e pronti a dare battaglia rappresentanze di maggioranza e opposizione oltre al sindaco Maria Grazia Vittimberga accompagnata dal vice sindaco Maria Micalizzi e dal consigliere comunale di maggioranza e cittadino castellese Andrea Liò. Presente anche la Confcommercio Calabria Centrale con il direttore Giovanni Ferrarelli e le rappresentanze dei commercianti di Le Castella.

«Ci preme affrontare un problema attuale ma di grande importanza per il nostro territorio – ha sottolineato Maria Grazia Vittimberga – che riguarda la riapertura del Castello Aragonese di Le Castella. Durante il nostro insediamento abbiamo intrappreso un dialogo diretto con il Polo Museale della Calabria per capire se vi fossero i margini per garantire una riapertura estiva di questa struttura. C’è stata una richiesta di dialogo ma il sopraggiungere della pandemia da Covid-19 ha fatto però dilatare i tempi, ma tali incontri non hanno dato però i frutti sperati».

Maria Micalizzi, Maria Grazia Vittimberga e Andrea Liò

Ad entrare nei dettagli è il vice sindaco con delega ai Beni Culturali Maria Micalizzi. «Come rappresentante dell’amministrazione comunale mi sono occupata di avviare un dialogo con il Mibact volto a favorire la pronta riapertura del Castello Aragonese, che rappresenta per la comunità isolitana e castellese un valore inestimabile. Abbiamo svolto una serie di telefonate, scambio di mail e  una videoconferenza in presenza della dott.ssa Antonella Cucciniello in qualità di direttore del Polo Museale della Calabria e della rappresentanza del Polo Museale di Crotone nel corso della quale si è convenuto dialogare sulla necessità da parte dell’amministrazione comunale di stilare un accordo di valorizzazione con il Mibact  per la durata di un anno. Abbiamo dato la disponibilità di farci carico delle utenze, abbiamo offerto la disponibilità a farci carico di un App utile a garantire la prenotazione dei biglietti validi per l’ingresso e tanti altri accorgimenti necessari a garantire in tutta sicurezza la riapertura. Sempre l’amministrazione comunale in tale occasione si è detta disponibile a fissare una nuova videoconferenza per discutere e comunicare la data precisa della riapertura del maniero. Fatto questo non siamo però riusciti a sapere quale fosse la data di riapertura precisa della struttura oltre che le modalità».

Una riapertura che sembra quindi difficile, anche se non impossibile, ma che si pone su un cammino tutto in salita. A fare passare il messaggio comune diretto agli organi competenti è il sindaco Maria Grazia Vittimberga. «Noi chiediamo a gran voce al Polo Museale della Calabria che, nel minor tempo possibile, permetta la riapertura del Castello Aragonese. Non accettiamo – evidenzia il Sindaco – che ci vengano fornite scuse banali nelle quali si argomenta la mancata riapertura come causa di mancanza di personale o di fondi specifici. In altri posti in breve tempo sono state trovate celermente risorse umane ed economiche che qui sembrano invece impossibili da trovare».

Nei giorni scorsi la Regione Calabria in una nota aveva rilanciato l’ipotesi di una riapertura fissata per la prima settimana di agosto, data che però non risulta all’amministrazione comunale e che rischia di rimanere solamente “ipotetica” visto che ad oggi rimangono forti dubbi sulla fruibilità della struttura in tempo utile per la stagione estiva.

Servizio completo presente sul CrotoneOk n°22 di Sabato 4 luglio 2020 disponibile on-line al seguente indirizzo (Clicca Qui)