Istituto Rosmini, «piedi nella tradizione e testa al futuro»

Istituto Rosmini, «piedi nella tradizione e testa al futuro»

Tempo di iscrizioni, al via gli open day presso i tre plessi

Una scuola sempre più inclusiva, sempre più europea, sempre più innovativa, con ben saldi i valori tradizionali della didattica.

All’istituto comprensivo “Antonio Rosmini“, alla scuola secondaria di primo grado “Anna Frank” e alla Principe di Piemonte, è tempo di iscrizioni ma anche di open day, per conoscere l’offerta formativa e i tanti progetti che la scuola mette in campo per i propri alunni e il territorio.

Il 14 gennaio dalle ore 16;00 porte aperte all’Anna Frank, il 16 gennaio alle 16;00, toccherà invece alla Principe di Piemonte spalancare l’ingresso ai genitori; il 21 gennaio open day alla Rosmini. Inoltre tutti i sabati (11, 18 e 25 gennaio), dalle 10;30 alle 12;30, si terranno mini stages,

L’occasione giusta, insomma, per conoscere una realtà sempre in crescita che, nonostante i mutamenti che il mondo dell’istruzione e la società del terzo millennio impone, è riuscita in questi ultimi anni a presentarsi una scelta eccellente per la formazione di piccoli, grandi, cittadini del futuro.

«Leggere, scrivere e far di conto – spiega la dirigente scolastica dell’istituto Maria Fontana Ardito – è alla base del nostro lavoro. A questo aggiungiamo anche far di “canto”, perché la musica, e l’arte in genere, è il linguaggio innovativo. I nostri piedi sono nella tradizione – sottolinea – ma la testa guarda al futuro e all’innovazione. Al centro di tutto però c’è sempre e solo il bambino».

E proprio nell’ottica del futuro la professoressa Ardito, in questi anni di instancabile lavoro, affiancata da un eccellente corpo docente, è riuscita con passione e determinazione, a realizzare tanti progetti guidando la scuola verso traguardi importanti per i giovanissimi alunni. Ultimo solo in ordine di tempo l’Erasmus Plus che metterà in rete l’Istituto con altre tre scuole europee: quella di Hamm in Germania, quella di NeufChateau in Francia e quella di Kalisz in Polonia, con stage formativi per docenti e studenti.

Il primo viaggio è fissato nel mese di maggio mentre a giugno sarà a la Rosmini ad ospitare una delegazione straniera. Gli studenti possono contare poi sullo svolgimento di attività artistico-espressivo oltre che su un importante potenziamento delle competenze digitali (atelier creativo, laboratorio robotica, biblioteca innovativa con prestito digitale aperta a tutta la cittadinanza, coding); potenziamento matematico scientifico e tecnolgoico; potenziamento delle competenze sociali e civiche con una serie di attività ed iniziative davvero interessanti come il consiglio comunale dei ragazzi e altri progetti di educazione ambientale; potenziamento linguistico (alfabetizzazione latino e greco, progetto Gutenberg, giornalino scolastico, potenziamento della lingua inglese metodo CLIL-certificazione Cambridge).