La critica ai pregiudizi e al materialismo nell’opera della giovanissima Daniela Devona

La critica ai pregiudizi e al materialismo nell’opera della giovanissima Daniela Devona

Libertà d’essere, libro della giovanissima autrice   Daniela Devona svela moltissimo dell’opera che il lettore si accingerà a leggere; la scrittrice si presenta subito, nella parte iniziale, rivolgendosi al lettore in modo molto diretto e spiegando l’intento del testo, scaturito da una rabbia verso il mondo che, spesso, non ascolta e non capisce l’essere umano.

“Per combattere questa assenza c’è l’amore verso se stessi, verso il prossimo e per le piccole cose”, sono le parole dell’autrice. Il libro ha uno stile molto realista in ogni racconto che narra la vita dei giovani ragazzi; il linguaggio è scorrevole e le parole scelte con grande semplicità, come nella vita di ogni giorno, in modo che possano lanciare un messaggio vivo.

Il testo si snoda in una critica sottile e molto intelligente rivolta alla società moderna, prevalentemente materialista e superficiale che nuoce profondamente e in numerosi modi alle persone; dai pregiudizi che possono toccare con violenza le nuove generazioni e farle cadere nei disturbi alimentari, vivendo con il problema del non piacere agli altri e non considerando più se stessi, al bullismo, fenomeno scolastico molto grave e diffuso, fino all’omofobia, al razzismo e a tutte le gravi atrocità che ne derivano.

Ogni parte è raccontata e resa chiara grazie alle parole dei protagonisti, ragazzi reali che vivono ogni giorno i drammi di questa società, sempre più priva di valori. Il lettore, per la scrittrice, diventa un pensatore, colui che potrà riflettere su queste tematiche e farne tesoro, per creare, da subito, un futuro migliore, passo dopo passo, lontano dalle violenze e da ogni discriminazione sociale.

Un libro, come una rivoluzione, una rivolta che possa partire dalle generazioni più giovani per aiutare tutti. L’appello finale all’essere sempre se stessi suona come un mantra, sonoro e chiaro, con il sapore della speranza.

L’autrice

Daniela Devona è nata a Crotone il 02 settembre del 2004. Vive nella sua terra natale, trascorre la sua infanzia tra l’amore dei nonni e della sua mamma e tra pagine di un diario che nessuno ha mai letto. Ad oggi è una giovane studentessa del Liceo G.V Gravina in attesa di concludere il suo ultimo anno.

Nonostante la giovane età ho un mondo di cose da raccontare, forse perché amo ciò che molti non notano,
o forse perché ho un animo libertino e saggio, non saprei. Amo esprimermi attraverso la scrittura, ma soprattutto amo rifugiarmi in essa in qualsiasi situazione, che sia positiva o negativa”, ha dichiarato l’autrice.