La Dolceria: dal 1994 dolci per tutti i gusti dal sapore unico

La Dolceria: dal 1994 dolci per tutti i gusti dal sapore unico

Delizie tutte da assaggiare, cortesia e genuinità. Dal 1994, nel centro della città, grazie a La Dolceria di Lucanto Francesco, si respira dolcezza e tradizione.

La pasticceria, rosticceria e caffetteria situata nel pressi del corso, nella traversa Azaria Tedeschi, da oltre vent’anni accompagna con le sue bontà le giornate dei crotonesi già dalla prima colazione, ricca di cornetti, viennesi, graffe e muffin.

L’attività, aperta di sabato notte, è diventata il luogo di ritrovo dei giovani. E in vista del Natale, è pronta a proporre i prodotti tipici della festa più attesa dell’anno. La pasticceria, che da qualche tempo sfoggia un nuovo look, più comodo e accogliente, presenta i dolci natalizi con un vero e proprio tripudio di cioccolato, ma non solo.

Fichi ripieni di noci, datteri, torroncini, cestini di noci e mandorle tostate, frutta candita, tutto rigorosamente ricoperto di cioccolato, per allietare ancor di più i giorni di festa. Ma non solo, la pasticceria prepara anche crustoli, tardilli e le susumelle, vero punto di forza dell’attività. Prodotti genuini e sapori unici, ma anche cortesia e professionalità, rendono La Dolceria il luogo giusto dove poter trovare bontà natalizie ma anche per gustarle al momento, ai tavolini allestiti all’interno o all’esterno.

Lo staff de "La Dolceria"
Lo staff de “La Dolceria”

«Allietiamo le feste anche con i dolci»

«Il Natale è ormai alle porte e noi, già da qualche settimana, proponiamo un vasto assortimento di dolci tradizionali e non solo».

A parlare è Giovanna Liperoti, moglie del titolare della Pasticceria La Dolceria. «Siamo già da tempo all’opera per allietare ancor di più i giorni di festa dei crotonesi. Tra il vasto assortimento – continua Giovanna -, invitiamo tutti ad assaggiare le nostre susumelle. Classiche o farcite, i clienti possono scegliere tra oltre 30 tipi di varietà. Un modo insomma, per accontentare davvero i gusti di tutti. Le nostre susumelle non possono mancare sulle vostre tavole».