La famiglia Ferrerio: “Basta immagini dell’aggressione di nostro figlio”

La famiglia Ferrerio: “Basta immagini dell’aggressione di nostro figlio”

La famiglia di Davide Ferrerio, il ventenne bolognese in stato di coma dopo esser stato aggredito a Crotone lo scorso 11 agosto, “invita tutti gli organi di informazione ad evitare di diffondere ancora le immagini terribili del pestaggio, che rappresentano per i congiunti del ragazzo un martirio”.

La famiglia lo fa sapere tramite l’avvocato  Gabriele Bordoni. “Il riproporsi di immagini di quel tipo significa incrementare il dolore e la tragedia”, dice l’avvocato. Il giovane è ricoverato in Rianimazione all’ospedale Maggiore di Bologna. A riportare la nota è  l’Agenzia Stampa Ansa.

Intanto ieri sono state tratte in arresto due donne per concorso in tentato omicidio: sono madre e figlia. Secondo  l’accusa le due donne avrebbero contribuito alla spedizione punitiva di quella sera dell’11 agosto. La ragazza, 17 anni, è stata condotta in una casa protetta, la mamma in carcere