La Pallamano Crotone pronta a rilanciare le proprie ambizioni

La Pallamano Crotone pronta a rilanciare le proprie ambizioni

Domani trasferta a Fasano per la squadra Pallamano Crotone, squadra militante nel campionato di Serie B. Nell’ultima giornata di campionato la squadra ha maturato un pareggio presso il PalaKrò, dividendo un punto con l’ospite Altamura.

Partita non da poco per la squadra rossoblù che domenica pomeriggio farà visita al Fasano. Non è certo la gara più semplice per i rossoblù che vogliono rilanciare le proprie ambizioni di classifica. La formazione pugliese è composta da giocatori che sono anche nel giro della squadra che disputa il massimo campionato nazionale, ossia quello di A 1, pertanto il livello tecnico non può che essere molto alto.

A tre partite dal termine del torneo la Pallamano Crotone ha intenzione di incamerare il maggior numero di punti a disposizione per scalare quella classifica che la vede leggermente attardata. Troppo ambiziosi? Probabilmente si. Troppo spacconi nel volere ottenere il massimo nelle ultime tre partite? Probabilmente si, ma perché non replicare quanto di buono è stato fatto ad inizio campionato? I giocatori rossoblù ci credono, credono nelle proprie possibilità ed hanno tutte le intenzioni di tornare a far parlare in positivo, a cominciare da domenica a Fasano.

Non sarà semplice, per niente, ma provarci è un dovere in una partita che sarà sicuramente una sofferenza. In tutta la settimana di preparazione all’incontro il tecnico crotonese Antonio Cusato ha fatto lavorare i suoi su diversi tipi di difesa da attuare in base al tipo di attacco che il Fasano metterà sul parquet. Servirà una squadra camaleontica, capace di cambiare a partita in corso, di variare i ritmi, gli schemi e la difesa. Per impensierire una squadra giovane, ma esperta e tecnicamente valida come il Fasano, occorrerà essere perfetti, dare il massimo e soprattutto non sbagliare le conclusioni costruite con tanta fatica.

Dalla Puglia la squadra pitagorica può anche tornare con una sconfitta, ma almeno deve tornare con la certezza di aver dato tutto e non aver sfigurato davanti ad una delle squadre candidate alla vittoria finale.