La Rari Nantes Crotone risponde direttamente dal campo

La Rari Nantes Crotone risponde direttamente dal campo

La migliore risposta per la Rari Nantes Auditore Crotone arriva dal campo. La squadra del tecnico Francesco Arcuri, dopo la sconfitta casalinga contro l’Arechi Salerno, aveva bisogno di una vittoria per riprendere a marciare. A Messina gli squali biancazzurri non solo hanno vinto, ma hanno convinto pienamente in una gara mai in discussione, approcciata in maniera perfetta e gestita poi in modo magistrale. Grande qualità in attacco per i pitagorici, che hanno sbagliato pochissimo, capitalizzando al meglio anche le ripartenze. Eppure di fronte non c’era un avversario facile, tutt’altro, soprattutto perché l’UNIME conosce bene la squadra biancazzurra, che affronta spesso e volentieri nelle partite-test di metà settimana. La Rari Nantes ha messo in mostra un ottimo gioco corale, che ha esaltato i singoli e loro giocate.

Un segnale importante per i crotonesi, che adesso sono consapevoli di doversi confrontare in un campionato molto equilibrato e livellato, soprattutto nelle prime posizioni di classifica e in cui sono molte le squadre che ambiscono ad un posto al sole. Tornando alla cronaca il match è stato ipotecato già nel primo quarto, chiuso con ben quattro lunghezze di vantaggio dai biancazzurri. I padroni di casa hanno cercato di reagire nel secondo tempo, trovandosi però di fronte una compagine arcigna e che ha concesso davvero pochissimo. Nella seconda parte è stato ancora un crescendo dei pitagorici, che si sono addirittura portati sul massimo vantaggio di nove gol nell’ultimo quarto per poi mollare qualcosina nel finale.

“Nel complesso – ha commentato a margine dell’incontro l’attaccante mancino, Raffaele Cusmanoabbiamo giocato una partita buona. Ottima dal punto vista offensivo, direi quasi perfetta. Buona dal punto di vista difensivo: si potevano evitare alcune disattenzioni, frutto verosimilmente del largo vantaggio che abbiamo sempre mantenuto durante la partita che le hanno rese accettabili, ma comunque c’è da lavorare per mantenere alta l’intensità per tutti e quattro i tempi di gara.

C’è stata una reazione forte dopo la sconfitta di sabato scorso – ha aggiunto – Conosciamo il valore della nostra squadra e non c’era una sola possibilità di poter sbagliare la partita. È stata evidente la differenza di approccio tra oggi e sabato scorso contro il Salerno; sono convinto che i miglioramenti sono il frutto di tutti gli allenamenti che stiamo inanellando e di tutte le dinamiche che stiamo apprendendo e che stiamo imparando a conoscere tra noi, migliorando la condizione di ognuno di noi e di squadra. Credo che ad oggi questa squadra abbia espresso più o meno solo il 30/40% del reale valore esprimibile. Abbiamo un potenziale elevatissimo per la categoria”. Dove migliorare? “Dobbiamo lavorare sul ritmo, sull’avere tutti una condizione ottimale e semplicemente nel conoscerci e nel mantenere quella fame con la quale oggi abbiamo approcciato la partita e mantenerla per tutti i quattro tempi. Sono sicuro che siamo sulla strada giusta, il gruppo è unito e questo è alla base di tutto.In acqua mi sento sempre meglio: come dicevo gli allenamenti iniziano ad aumentare, iniziamo a conoscitrici tutti insieme, sempre meglio. Sono ottimista per il resto della stagione.”.

UNIME MESSINA-RARI NANTES AUDITORE KR 9-16
(1-5; 3-3; 2-4; 3-4)

UNIME MESSINA: Di Mauro, Sciabà, Geloso C 1, Lupeji 1, Caliri, Maccarrone, Motta, Vinci 1, Geloso D, Micalizzi, D’Angelo, Raineri 3, Cama 3. TPV: Misiti
RARI NANTES KR: Sibilla, Amatruda, Abela 2, Zovko 2, Cusmano 2, Tkac 4, Giacoppo M 3, Giacoppo E, Ursino 2, Candigliota, Fusto 1, Caliogna, Palermo. TPV: Arcuri.
ARBITRO: Scarciolla.