La Serie A potrebbe tornare a Crotone: il Lecce chiede di giocare all’Ezio Scida

L'impianto crotonese idea come "stadio alternativo" per i giallorossi
0

Reale Mutua – sezione post

La Crotone calcistica ha salutato lo scorso anno la Serie A ma potrebbe riabbracciarla indirettamente nella prossima stagione, in attesa che anche la squadra pitagorica possa riconquistarla sul rettangolo verde.

Con l’esaltante e inaspettata promozione in Serie A del Lecce del tecnico Fabio Liverani, nella città pugliese si è venuto a creare un problema – comunque in via di risoluzione -, quello legato ai lavori che per forza di cose andranno a caratterizzare gli spazi del “Via del Mare” nelle prossime settimane.


Da risolvere oltre a piccoli accorgimenti la situazione legata alla Tribuna Est posta fronte telecamere che, ad oggi, non permetterebbe di ricevere l’Ok per giocare per lo meno i primi match della massima serie.

In questo senso, nelle ultime ore la società Lecce avrebbe fatto pervenire una richiesta al Comune di Crotone all’interno della quale verrebbe sondata la possibilità di potere indicare lo stadio crotonese come impianto “alternativo” da utilizzare nel caso di prolungamento oltre la data di inizio campionato dei lavori al “Via del Mare”.

La stessa società pugliese potrebbe inoltre fare richiesta agli organi di Lega per disputare la prima sfida stagionale in trasferta, anche alla luce della concomitante Festa Patronale di Sant’Oronzo che si celebrerà nelle giornate del  24, 25 e 26 agosto e che vede tradizionalmente la presenza dei giostrai nell’area antistante l’impianto.

Interpellata sulla vicenda la stessa società U.S. Lecce ha confermato l’avvenuta richiesta, ribadendo comunque la volontà di portare a conclusione i lavori in tempo utile per l’inizio del campionato.

Tutti rimane comunque legato agli esiti del ricorso presentato dal Mibac sulla vicenda Ezio Scida, decisione che dovrebbe essere presa presso i TAR nella giornata del 19 giugno.