L’associazione vittime 106 non accetta “l’ottimismo” del viceministro

L’associazione vittime 106 non accetta “l’ottimismo” del viceministro

Così scrive il direttivo dell’associazione “Basta Vittime Sulla Sulla Strada Statale 106”

L’’Anas Gruppo FS Italiane conferma quanto già dichiarato nelle scorse settimane dalla nostra O.D.V. NUOVA S.S.106: I VICE MINISTRI DI LEGA E M5S PENSANO CHE I CALABRESI SIANO DEGLI SPROVVEDUTI! (nota di redazione) LA VARIANTE AL MEGALOTTO 6 NON è FINANZIATA E NON RIENTRA NELLA PROGRAMMAZIONE NAZIONALE. SUL MEGALOTTO 9 NON C’È NULLA.

In questi ultimi dieci giorni in Calabria abbiamo purtroppo registrato la tragica morte di 3 giovani ragazzi Altea Morello (17 anni), Raffaele Misuraca (19 anni), e Vittorio Paone (28 anni), nello sconforto e nell’indignazione di migliaia e migliaia di calabresi che sui social non hanno risparmiato feroci critiche al Governo il quale, nei giorni scorsi, attraverso il Vice Ministro alle Infrastrutture della Lega Morelli, nell’ambito del summit nel “campo base” di Villapiana ha affermato che «grazie al Governo Draghi la Statale 106 sarà ricordata come “ex strada della morte”».

La sostanza però, oltre i proclami del Vice Ministro della Lega che sono perfettamente in linea con gli annunci del collega Vice Ministro del M5S Cancelleri, è molto chiara e sconfortante: pensano che i calabresi siano dei sprovveduti (ndr), Il Direttivo dell’Organizzazione di Volontariato “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” comunica, infatti, a tutti i cittadini calabresi che nell’ambito del summit l’Amministratore Delegato di Anas Gruppo FS Italiane (che è anche il Commissario nominato dal Governo per la Statale 106), ha innanzitutto affermato che dei tre miliardi di investimenti previsti ne sono ad oggi disponibili soltanto uno che riguarda il 3° Megalotto (ammodernamento tratto Sibari – Roseto Capo Spulico):

gli altri 2 miliardi non ci sono e nessuno dice da dove e se arriveranno. Mentre l’altro aspetto inquietante emerge quando vengono presentati gli altri interventi previsti: Intervento CZ388 – Nuovo asse di collegamento in variante alla SS106 Radd. fra il Viadotto Coserie (Rossano) e la SS534 (Sibari): “Criticità: il tracciato della variante per gran parte della sua lunghezza è in affrancamento alla linea Ferroviaria e attraversa aree urbanizzate”. Persino l’Anas ammette quanto sia pericolosa questa proposta progettuale evidenziando che la criticità è legata all’attraversamento delle aree urbanizzate!

Ci chiediamo: non era meglio finanziare e realizzare il progetto del Megalotto 8 realizzato i soldi dello Stato 20 anni fa? Intervento CZ372 – Nuovo asse di collegamento in variante alla SS106 fra il Km 309 (Mandatoriccio) ed il Km 329 (Rossano): “Progetto di Fattibilità Tecnico Economica (in fase di avvio)”. Qual è il senso di presentare un “progetto” di cui manca persino lo studio di fattibilità? ‌Intervento CZ373 – Nuovo asse di collegamento in variante alla SS106 fra il Km 290 (Passovecchio – Crotone) ed il Km 309 (Mandatoriccio):

“Progetto di Fattibilità Tecnico Economica (da avviare)”. Stesso ragionamento: qual è il senso di presentare un “progetto” di cui manca lo studio di fattibilità? ‌Intervento CZ391 – Variante al Megalotto 6 (Crotone – Simeri Crichi): “Progetto di fattibilità tecnico economica (in avvio). Criticità: l’opera non è ad oggi presente nella programmazione Nazionale”.

In pratica il “progetto” non esiste perché ancora deve essere avviato lo studio di fattibilità e l’Opera su cui si sono già espressi i sindaci e due Province non è finanziato e non è presente nella programmazione Nazionale! Il Direttivo dell’O.D.V. comprende bene che ormai tra due mesi in Calabria avranno luogo le elezioni per il rinnovo del Consiglio Regionale ed è consapevole della forte perdita di consensi che, in questo momento, coinvolge la Lega ed il M5S, tuttavia trova mai tanto inaccettabili quanto oggi le strumentalizzazioni e la propaganda politica che i Vice Ministri Morello (Lega) e Cancelleri (M5S), da settimane stanno promuovendo nell’assoluto contrasto con quanto afferma l’Anas Gruppo FS Italiane ed anche il Ministero delle Infrastrutture che nelle scorse settimane ad una circostanziata richiesta del nostro sodalizio ha categoricamente smentito l’esistenza di finanziamenti relativi alla Statale 106.

A Morelli ed a Cancelleri vorremmo dire che in Germania i Vice Ministri si recano in uno dei sedici Land tedeschi solo quando c’è da inaugurare un’Opera o, quando, essa viene definitivamente finanziata: solo in Calabria ormai da un secolo assistiamo a passerelle di Vice Ministri che vengono ad annunciare il nulla ritenendo – lo ribadiamo – che i calabresi siano degli sprovveduti!

Il Direttivo dell’O.D.V. “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” intende inoltre evidenziare il degradante ruolo dell’informazione: incapace di proporre al “potente” di turno delle domande scomode; asservito ai proclami ed agli annunci di partito; interdetto nella sua capacità di approfondimento e di riscontro della verità. Con questa stampa in Calabria sarà davvero difficile far comprendere a chi ha il dovere ed il potere di cambiare le sorti della Statale 106 che i calabresi – lo ribadiamo per l’ennesima volta – non sono “degli sprovveduti”.

Il Direttivo dell’Organizzazione di Volontariato “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” pertanto ribadisce l’assoluto totale dissenso nei confronti dei Vice Ministri della Lega e del M5S che continuano ad offendere la dignità dei cittadini calabresi e conferma immutata la propria azione di denuncia ma, soprattutto, la determinata volontà di informare correttamente i cittadini calabresi che hanno il diritto sacrosanto di conoscere la verità oltre la propaganda, gli annunci, ed i fallimentari tentativi di chi al Governo vuole vendere fumo per raccogliere 4 voti alle prossime elezioni regionali!