L’autorità idrica calabrese nei comuni: l’obiettivo è tornare all’autonomia e rimodulare le tariffe

L’autorità idrica calabrese nei comuni: l’obiettivo è tornare all’autonomia e rimodulare le tariffe

Crotone – É partita da Reggio Calabria la conferenza territoriale dell’Autorità Idrica calabrese ed è toccato oggi a Crotone ospitare l’assemblea dei sindaci del territorio della provincia con un percorso destinato a riorganizzare il sistema del servizio idrico integrato dell’intera regione.

Vengono ascoltate in ogni assemblea le istanze dei primi cittadini per rispondere alle esigenze dei singoli territori per tornare all’autonomia ed autosufficienza. Ha partecipato nella sala consiliare del Comune capofila l’Autorità Idrica Calabria Marcello Manna e il direttore Francesco Viscomi. Convocata dal presidente del presidente della provincia Simone Saporito, alla presenza dei sindaci.


Un nuovo percorso e un cambiamento partendo, dall’adduzione, alla distribuzione e depurazione dell’acqua: “Oggi abbiamo tanti distributori dell’acqua e realtà – ci ha detto il presidente dell’Autorità Idrica territoriale Manna e si tratta di definire un percorso e farlo insieme partendo dalle conferenze territoriali. E’ necessario acquisire i dati e stabilire cosa fare e quali sono le emergenze. In genere sono gli enti che devono rincorrere la regione, proviamo a capovolgere il discorso partendo dai servizi ed essendo autosufficienti“.

L’acqua è una risorsa fondamentale, e l’assemblea è una fase interlocutoria per rimodulare, in futuro, anche le tariffe: “Si dovrà recuperare il tempo perso in un settore chiave e particolarmente complesso. Sarà più facile se lavoreremo in sinergia ed unità nelle scelte, al di là delle appartenenze politiche, perseguendo obiettivi comuni per il bene della collettività” ha aggiunto il presidente Saporito.

Danilo Ruberto