Lavoro, in Calabria oltre 6000 denunce di infortunio in sette mesi

Lavoro, in Calabria oltre 6000 denunce di infortunio in sette mesi

Nei primi sette mesi del 2022 le denunce di infortunio sul lavoro sono aumentate del 41,1% rispetto allo stesso periodo del 2021. In Calabria sono stati 6250, contro i 4347.

I dati, divulgati nella relazione annuale Inail, sono stati ripresi e commentati nel corso di un interessante convegno promosso dall’Anmil che si è svolto ieri nella Sala Consiliare del palazzo comunale di Crotone.

L’incontro, dal titolo “Sicurezza nei luoghi di lavoro e caporalato” è stato promosso da Fondazione ANMIL “Sosteniamoli Subito”, Comune di Crotone e Consiglio regionale della Calabria.

L’obiettivo è stato quello di riaccendere i riflettori su un’emergenza sociale che continua a mietere vittime. L’ultima, solo in ordine di tempo, quella del giovane studente deceduto a Noventa di Piave durante l’alternanza scuola-lavoro.

Tanti gli interventi che si sono susseguiti nel corso della mattina tra questi quello del presidente regionale dell’Anmil Antonio Carlizzi, Bruno Giordano direttore dell’Ispettorato nazionale del lavoro e Sergio Mustica, direttore scientifico Scuola della testimonianza Anmil e il presidente di Anmil Crotone Anonio Carcello.

Leggi l’articolo completo con gli interventi sul prossimo numero di CrotoneOk in uscita sabato 24 settembre 2022.