Le prime parole di Don Leopoldo Arabia: “Provo gioia e timore, io mi fido del Signore”

Le prime parole di Don Leopoldo Arabia: “Provo gioia e timore, io mi fido del Signore”

Nel giorno della festa liturgica di Santa Maria Maddalena, in un gremito Duomo ieri sera l’arcivescovo di Crotone-Santa Severina Angelo Panzetta ha presieduto la liturgia di ordinazione presbiterale di don Leopoldo Arabia,  giovane crotonese che, concluso il suo percorso formativo presso il seminario regionale di Catanzaro,   ora è  a servizio della chiesa diocesana come “cercatore dell’amore e testimone di un incontro che gli ha cambiato la vita“, come ha detto nella sua omelia il presule.

Gioia e timore come le donne che si sono recate al Sepolcro – sono le prime parole di don Leopoldo Arabia –   non è solo gioia ma anche timore perchè è un mistero grande. Questa vocazione è nata tanti anni fa in un confessionale, dopo che ho confessato i miei peccati. Ho effettuato una grande esperienza di grazia, dicendo al mio sacerdote di voler prendere i voti perchè il Signore parla nella storia, con le persone. Mi fido del Signore”. 

Erano presenti alla celebrazione anche il nuovo vescovo di Lamezia Terme, don Serafino Parisi, e il vescovo emerito Luigi Cantafora, il Presbiterio diocesano, gli educatori del seminario regionale di Catanzaro, tanti presbiteri, diaconi e seminaristi con i quali don Leopoldo ha condiviso il cammino formativo, la comunità parrocchiale di San Giovanni Paolo II in Crotone, che è la parrocchia di origine del nuovo presbitero.

A giorni sarà rivelato il nome del nuovo rettore della Basilica Cattedrale di Crotone: “Una persona che io ho scelto con cura, stimata, sarà pubblicato il nome con tutte le altre nomine entro gli inizi di agosto”, ha detto l’Arcivescovo.