Lettera in redazione: “Gli ultimi non troveranno posto nella vigna del Signore”

Lettera in redazione: “Gli ultimi non troveranno posto nella vigna del Signore”

Crotone – La cittadina Linda Monte scrive:

E gli ultimi non saranno i primi, tanto meno trovare posto nella “vigna del signore”. Così in nome di uno spazzamento del porticato, una ordinanza sindacale ha determinato profonda infelicità tra gli ambulanti di origine bengalese, il loro torto è non campare di carità, ma di lavoro. L’altro torto è quello di abitare la città di Crotone da un decennio e di avere voluto fare arrivare la loro famiglia.

Come forse non sanno alcuni “marziani” della politica, questi cittadini abitano i tuguri,senza vedere la luce del sole in più casi, pagano esosi fitti a padroncini spesso di misere dimore abbandonate e quindi divenuti “palazzinari” se pure di topaie. Arroganti e pretenziosi, minacciano sfratti, tormentano anche le loro mogli, i loro mariti, in presenza dei loro figlioletti.  Dunque durante le feste sono stati convocati dal primo cittadino con promessa di risposte.

Siamo nell’anno nuovo da circa 20 giorni e la pratica ambulante è stata archiviata, nonostante allegri e sorridenti selfie con alcuni di loro. La mia domanda è: oltre a celebrare i vichi dedicati nel “cuore pulsante della città”, preparare la stessa per l’arrivo di masse di turisti, spendere i regali di Eni, qualche dirigente, oltre alla politica, non sente il dovere – non dico il cuore – per proporre una soluzione adeguata? Ad esempio stabilire le misure dei banchetti e ricordo che hanno le ruote; lo spazio?

I larghi marciapiedi del porticato e con puntuali regole da far rispettare e, direi, da rispettare da parte dello stesso apparato municipale, è cosa di un mondo altro? Sono lavoratori che campano con poco, non delinquono, non spacciano (magari dare una sbirciatina in non tanto remoti angoli, presso chi ambulante non è e campa alla grande?). P

Però costa fatica e poi para bruttu. Meglio bandire questi qua. Qualcuno di loro mostra enorme disagio e delusione verso che li ha raggirati con promessa di dare soluzioni. Altri con molta timidezza raccontano di avere guadagnato in un giorno solo 2 euro… Infine ricordo che, ma questo è evidente, devono stare in luoghi di quotidiano passaggio della gente e non nascosti alla vista. Mi permetto di appellarmi alle tante meritorie associazioni, indignatevi per favore, cosa ve lo impedisce?