L’Hera della Magna Grecia – Trio Incendio: un’esibizione intrisa di Colore, Sonorità, Lirismo

L’Hera della Magna Grecia – Trio Incendio: un’esibizione intrisa di Colore, Sonorità, Lirismo

Certamente l’inclemenza del tempo non ha aiutato la partecipazione del pubblico che di solito è partecipe, rendendo stracolme le sale, nei concerti organizzati dalla Società Beethoven, in questa V Edizione della Stagione Concertistica L’Hera della Magna Grecia 2022”.

Vedere però oltre cento persone nel recital del “Trio Incendio” nell’Auditorium “Sandro Pertini” , Sabato 26 Novembre, è stato un vero successo per gli organizzatori. Un Trio che, con una professionalità unica, ha degnamente ripagato quanti hanno avuto il coraggio di sfidare un tempo veramente proibitivo. Il programma molto bello, anche se impegnativo, comprendeva: J. Haydn – “Piano Trio in E-flat major” Hob. XV:36”, B. Martinů – “Piano Trio No. 3 in C H. 332”, A.Dvořák -“Piano Trio No. 2 in G minor op. 26” .

Artisti completi, i tre musicisti, provenienti dalla Repubblica Ceca, hanno saputo condurre una preparazione del concerto, sull’accurato lavoro di cesello alla ricerca del massimo risultato, creando un’atmosfera certamente uniforme, ma piena di arcana delicatezza. Una capacità d’insieme, attenta a cogliere il profilo delle melodie, la loro capacità fraseologica, le fluttuazioni dei colori e le sonorità.
Tre musicisti, che sembrava camminare all’unisono, tale era la coesione d’insieme, in un dialogo continuo e costante, ricreando pagine introspettive ed intrise di lirismo, riuscendo a trasformare in pura musica, ciò che con molti altri è ostentato meccanismo.

Una vera e bella serata artistica, che si aggiunge alle tante che in questo periodo stiamo vivendo grazie ad una Stagione Concertistica molto ricca che la Beethoven ci sta regalando.
Naturalmente applausi calorosi e sentiti da parte di un pubblico formato in prevalenza da tantissimi giovani.