L’Otoematoma in cani e gatti

Una problematica traumatica che affligge i nostri amici a quattro zampe
0
Artemide ambulatorio – sezione post

Capita spesso sia nel cane che nel gatto di trovarsi di fronte ad un padiglione auricolare gonfio caldissimo e dolorante, siamo di fronte ad un Otoematoma.

Esso rappresenta la lesione traumatica dell’orecchio di più frequente riscontro in cane e gatto. Solitamente è provocato da lesioni traumatiche autoindotte o traumi esterni al padiglione stesso, molte volte secondario a otiti. L’ematoma è più evidente sulla superficie concava del padiglione e i vasi che ne determinano la formazione sono rami dell’arteria auricolare caudale che penetrano nella cartilagine. Nello spazio tra cartilagine e cute il riempimento di liquido non smette fino che la pressione non provoca costrizione dei vasi stessi.

La terapia principalmente si basa sulla cura della causa scatenante la patologia, ed in un secondo momento alla risoluzione dell’ematoma stesso. Il principale approccio alla patologia avviene prima in modo non chirurgico, fissando dei drenaggi e fasciando il padiglione, se non dovesse risolversi si passa in sala chirurgica usando tecniche adatte alla risoluzione totale. Senza trattamento l’otoematoma determina fibrosi e contrazione che possono appesantire e deformare l’orecchio con contrattura a cavolfiore.

Dott. Gaetano Marrazzo