Monsignor Bregantini ricorda Santa Chiara e il centro storico di Crotone, tra la salsa e le buste della spesa

Monsignor Bregantini ricorda Santa Chiara e il centro storico di Crotone, tra la salsa e le buste della spesa

Crotone – Giancarlo Bregantini, Arcivescovo Metropolita di Campobasso-Boiano, è tornato nella sua Crotone in occasione dell’ordinazione episcopale di don Fortunato Morrone, Arcivescovo metropolita di Reggio Calabria-Bova (leggi qui). Accolto dai presenti, per il presule è una gioia, come ci ha detto, tornare nella sua Crotone:

«Io ho un ricordo bellissimo di Crotone – ha dichiarato – arrivai giovanissimo, fu un’esperienza meravigliosa, nelle fabbriche, nel carcere, nelle aziende, fra la gente di Santa Chiara poverissima ma con grande dignità».  Poi il ricordo di monsignor Giuseppe Agostino, presule dell’Arcidiocesi, per lui maestro,  e l’ordinazione episcopale nella Basilica Cattedrale di Crotone avvenuta nel 1994: «Ricordo lo stesso cuore, un cuore che palpita di grande affetto e di grande dignità, perchè è così la gente di Calabria e in particolare di Crotone, gente che ricorda radici antiche, valori di grande dignità  e in fondo di grande speranza»

Il prelato, parroco di Santa Chiara tra gli anni ’70 e ’80, ha ricordato dunque con grande affetto il centro storico di Crotone e la sua gente, tra le tute, la salsa, il profumo dei pranzi insieme, e le buste della spesa che ha riempito per le persone in difficoltà: «Io ho imparato questo dalla gente vicino che mi ha fatto tanta compagnia, mi ha aiutato, ho imparato con il pianto dei bambini miei vicini di casa, infondo un’espereinza di ampia umanità che mi ha educato».

>Danilo Ruberto

Crotone, don Fortunato Morrone consacrato vescovo: “La Chiesa ha dato un segno, poichè è un uomo semplice”



Articoli Correlati: