Home Cultura e Spettacolo Il Museo di Pitagora si apre all’arte contemporanea

Il Museo di Pitagora si apre all’arte contemporanea

Presentate alla cittadinanza le opere degli artisti contemporanei provenienti dal Mack

314
0
CONDIVIDI
Domus Funerarium – Banner News
McDonald’s- News McBacon
Ormas – Banner News
Crotone Service – Banner News
CrotoneOk – Banner News
Rlm – Banner News
Giangreco Banner
Omcs – Banner News
Reale Mutua – sezione post
Vedibi Banner News
Gallella Viaggi
Michele Affidato – sezione post

L’arte sempre protagonista presso il Museo di Pitagora di Crotone. Sono state infatti presentate alla cittadinanza le opere degli artisti contemporanei Carla Accardi, Alighiero Boetti, Jannis Kounellis, Mario Merz e Mimmo Rotella, provenienti dal Museo di Arte Contemporanea Krotone.

Una preview che ha visto nell’occasione la presenza di Melissa Acquesta, curatrice della mostra, Santo Vazzano, presidente del Consorzio Jobel, e Antonella Cosentino, vicesindaco ed assessore alla cultura del Comune di Crotone. «Noi del Consorzio Jobel abbiamo maturato dell’esperienza durante il nostro percorso – ha dichiarato Santo Vazzano -, siamo soddisfatti del lavoro svolto. Sarebbe stato un peccato se queste opere non fossero state ancora fruibili. Questo Museo sta acquisendo sempre più un identità precisa e importante per la città e il territorio. L’attività svolta è rivolta ai giovani, il Museo di Pitagora deve rimanere sempre attivo e dinamico, accogliendo l’arte in tutte le sue sfumature».

Una opportunità importante che potrà mostrare una serie di opere di elevata qualità ed importanza. «Finalmente siamo riusciti a proporre questi lavori – ha sottolineato Antonella Cosentino -, la volontà di tutta l’amministrazione comunale è quella di puntare sulla cultura come strumento di valorizzazione del territorio e della sua storia. Possediamo come città un grande patrimonio, la nostra opera permetterà a queste opere di riprendere un loro respiro potendo essere sottoposte alla visione sopratutto dei giovani. Viviamo giustamente con il “mito” del nostro grande passato, questo però non deve portare a sottovalutare le eccellenze moderne che rimangono altrettanto importanti».

Le opere di maestri indiscussi della seconda metà del Novecento, selezionate dallo storico dell’arte nonché curatore Melissa Acquesta, insieme ad altri capolavori di Hidetoshi Nagasawa, Bruno Ceccobelli, Alfredo Pirri, Giuseppe Pulvirenti, Vanessa Beecroft e tanti altri notevoli artisti, saranno protagoniste nei prossimi mesi di un nuovo allestimento permanente all’interno del Museo di Pitagora.

L.V.