Nasce il sito dedicato a Diego Tajani, il magistrato cutrese che pronunciò la parola mafia in Parlamento

Nasce il sito dedicato a Diego Tajani, il magistrato cutrese che pronunciò la parola mafia in Parlamento

Il magistrato cutrese Diego Tajani è stato il primo nella storia del Parlamento Italiano ad alzarsi nel parlare contro la mafia e sollevando, per primo, il velo sulla criminalità organizzata,   mettendo sotto accusa, anche,  il Questore di Palermo per collusione con la mafia  quando ha ricoperto il ruolo di Procuratore della Repubblica. Per quel tempo fu una cosa inaudita. Il “Centro studi e ricerche Diego Tajani”, vuole porre le basi per studiare il personaggio storico nato a Cutro nel 1827 per la diffusione della cultura della legalità attraverso l’elaborazione di studi qualificati sul fenomeno mafioso e l’attivazione di laboratori aperti alla società.

«Una tappa del lavoro che abbiamo fatto nel passato – ha dichiarato Maurizio Mesoraca, presidente del centro studi – e che proseguiremo ad Autunno a Cutro, Reggio Emilia e Vietri sul mare». Cutro poichè è la città natale del magistrato e politico italiano, Reggio Emilia poichè vi è una comunità molto ampia di cutresi, e Vietri poichè è la città originaria della famiglia di Tajani, che si stabilì a Cutro. E’ stato presentato questa mattina, presso la sala Consiliare del Comune di Crotone, il sito Internet del Centro www.centrostuditajani.it, in occasione con l’anniversario della data di nascita del politico che parlò pubblicamente di mafia nella massima assise italiana. «Pensiamo che la lotta alla mafia sia una precondizione per qualsiasi tipo di sviluppo che si possa determinare – ha continuato – abbiamo questo comitato e centro studi con dieci persone per approfondire la figura di Tajani, promuovere iniazitive sociali e culturali, specie tra i giovani e nelle scuole».

DaniloR.