Oggi è la giornata dei diritti dei bambini, tutele e opportunità per i cittadini del domani

Oggi è la giornata dei diritti dei bambini, tutele e opportunità per i cittadini del domani

È il 20 novembre del 1989, l’organizzazione delle Nazioni Unite firma la Convenzione per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. Un testo giuridico di eccezionale importanza poiché riconosce, in forma coerente, tutti i bambini e tutte le bambine del mondo come titolari di diritti civili, sociali, politici, culturali ed economici. 54 articoli che sintetizzano 4 principi fondamentali su cui si basa la convenzione: non discriminazione, superiore interesse, diritto alla vita, alla sopravvivenza e allo sviluppo del bambino e dell’adolescente, ascolto delle opinioni del minore.

Da 30 anni ci si batte dunque per tutelare i cittadini del domani ma oggi questo “principio” sembra cozzare con la realtà che vede i più piccoli sempre più provati dalle scelte degli adulti. La situazione epidemiologica legata alla diffusione del coronavirus obbliga Governo e istituzioni a prendere drastiche decisioni che coinvolgono inevitabilmente anche i bambini e gli adolescenti, protagonisti senza volerlo delle conseguenze irresponsabili di molti. I bambini hanno dovuto rinunciare a molto alcuni di loro hanno continuano a perdere tutto: diritti, salute, opportunità.

A lanciare l’allarme della situazione in cui vivono milioni di minori sono le associazioni umanitarie. In modo particolare Save the Children ha pubblicato un report dettagliato di quello che sta accadendo in Italia: «La popolazione al di sotto dei 18 anni è diminuita di circa 600mila minori negli ultimi 15 anni: nello stesso periodo di tempo la povertà assoluta è aumentata portando a 1 milione i bambini, le bambine e le/gli adolescenti senza lo stretto necessario per vivere.

A questo si aggiungono i tagli all’istruzione, ai servizi di prima infanzia, e molto altro con un peggioramento della situazione con l’inizio della pandemia.

Sono moltissimi i dati sulla situazione dei bambini, delle bambine e dei/delle giovani in Italia: impatto della pandemia, gli effetti della crisi climatica e molto altro».