Ora possiamo tornare tutti in piscina

Ora possiamo tornare tutti in piscina

Il Consorzio Daippo accetta le condizioni del Comune di Crotone. C’è l’affidamento temporaneo dell’impianto

Atleti e cittadini possono tirare un sospiro di sollievo: la piscina olimpionica riapre con tutte le attività e servizi. La notizia è arrivata nella serata di giovedì dopo che la Giunta ha approvato l’atto di indirizzo per la sottoscrizione della convenzione per l’affidamento temporaneo (sei mesi) della gestione dell’impianto al Consorzio Daippo fino all’espletamento e all’aggiudicazione della gara.

Dopo settimane di richieste e incontri, si è finalmente arrivati ad una soluzione della questione che sembra mettere d’accordo tutti: il Consorzio Daippo da una parte e l’amministrazione comunale dall’altra. «Il percorso che l’amministrazione aveva immaginato pianificato e programmato – ha spiegato l’assessore all’Impiantistica Sportiva del Comune di Crotone Salvatore De Luca – si è rivelato un percorso virtuoso. Siamo riusciti – continua – a centrare due obiettivi: il primo era quello di interrompere una condizione di irregolarità e l’altro quello di avviare immediatamente un nuovo percorso della regolarità disciplinando il periodo intermedio tra la convenzione e la gara».

Si tratta dunque di un affidamento diretto in questo periodo transitorio in cui il consorzio Daippo garantirà, con le previste forme delle fideiussioni, tutte le sue obbligazioni che sono quelle previste dalla legge, la polizza assicurativa e l’intestazione delle utenze, in poche parole, pagherà le bollette che fino ad ora ha invece pagato il Comune. Si mette così fine alla bagarre che ha animato le cronache locali e si apre una nuova collaborazione regolamentata da una convenzione che seppur temporanea garantirà comunque la continuità delle pratiche natatorie nella nostra città.

«Riconosco le buone azioni del Consorzio – ha aggiunto ancora De Luca – che non era obbligato a gestire temporaneamente la piscina. C’è stato buon senso da parte di tutti dopo una comprensibile fase di squilibrio. Tutti – conclude – hanno concorso nella medesima direzione». La soluzione è quindi definitiva fino alla gara. Il bando sarà pronto nelle prossime settimane e poi, secondo i tempi previsti, partirà l’iter per la valutazione delle domande e poi infine, per l’aggiudicazione.

V. R.