Pinsa Romana: è di Isola di Capo Rizzuto il pinsaiolo più bravo al mondo

Pinsa Romana: è di Isola di Capo Rizzuto il pinsaiolo più bravo al mondo

Isola di Capo Rizzuto (KR) – Un’eccellenza del territorio crotonese, un giovane che con passione, sacrificio e dedizione ha saputo scommettere su se stesso e riuscire a raggiungere un prestigioso traguardo quello della vittoria del Campionato del Mondo di “Pinsa Romana”.

Si tratta di Giuseppe Aloisio, ventinovenne talento isolitano de “La Rustica Hotel, Ristorante, Pinseria”, storica attività operante nel territorio di Isola di Capo Rizzuto. Il contesto è stato quello dell’evento organizzato dall’Associazione Originale Pinsa Romana al quale aderiscono le pinserie certificate, il tutto andato in scena nella giornata del 29 novembre 2021 a  Guidonia Montecelio (Roma).  La giuria è stata composta dal Consiglio Direttivo dell’Associazione che ha valutato tutte le fasi di lavorazione della Pinsa Romana: impasto, stesura, cottura e farcitura del prodotto.

A tutti i partecipanti è stato richiesto di realizzare una Pinsa focaccia, condita solamente con sale e olio e una Pinsa farcita a piacere. I pinsaioli sono stati divisi in 8 gruppi che durante la mattinata hanno realizzato palline e scelto gli ingredienti per condire la loro Pinsa. Nel pomeriggio i concorrenti hanno steso, cotto e farcito le loro Pinse. Tutti i prodotti realizzati sono passati sotto il giudizio esperto della giuria.

Per garantire l’imparzialità nella decisione ogni partecipante è stato identificato con un nickname.

Ad aggiudicarsi il primo posto è stato alla fine il pinsaiolo Giuseppe Aloisio, che con grande gioia ha accolto questo risultato, per certi versi inaspettato, è quindi ancora più bello. «Che dire, sono felice ed emozionato – ha dichiarato Aloisio -, sicuramente non mi sarei aspettato di vincere. Ho partecipato a questa iniziativa in quanto faccio parte dell’Associazione, ovviamente come un’esperienza in più nel percorso professionale.

In questa occasione venivano celebrati i venti anni della Pinsa Romana, è per questo è stato allestito un campionato. Hanno partecipato rappresentati da tutto il mondo, ovviamente anche dall’Italia. I calabresi eravamo tre, due del crotonese (Caccuri e Isola di Capo Rizzuto). Si è proceduto con le fasi, man mano che si riduceva il numero dei partecipanti siamo rimasti in tre, poi in due e alla fine mi è stato fornito il risultato, la vittoria».

Un riconoscimento importante, un grande attestato di fiducia. «Si, in molti mi dicono che ora abbiamo a Isola di Capo Rizzuto la migliore Pinsa del mondo, io ovviamente ci scherzo. Mi sono arrivati molti messaggi di stima, e le congratulazioni. Sono felice, questa è la dimostrazione che chi lavora con passione può raggiungere anche nel nostro territorio grandi traguardi».