Prevenire l’endometriosi, una panchina gialla nella Villa Comunale di Crotone

Prevenire l’endometriosi, una panchina gialla nella Villa Comunale di Crotone

Crotone –  L’endometriosi viene definita come un’infiammazione cronica benigna degli organi genitali femminili e del peritoneo pelvico, causata dalla presenza anomala, in questi organi, di cellule endometriali che, in condizioni normali, si trovano solo all’interno dell’utero (lo leggiamo qui, negli scritti della dottoressa Elena Zannoni).  È una patologia molto frequente nella popolazione generale e si calcola che possa interessare il 10-20% delle donne in età fertile. Colpisce infatti prevalentemente donne tra i 25 e i 35 anni ed è praticamente assente nell’età pre-puberale e post-menopausale. Benché nel nostro paese siano affette da endometriosi tre milioni di donne circa, la diagnosi è nel 30-40% dei casi accidentale e avviene durante controlli ginecologici di routine o controlli specialistici eseguiti per altre patologie.
Una panchina gialla per sensibilizzare sull’endometriosi, una malattia ancora poco conosciuta ma che purtroppo colpisce tante donne soprattutto in giovane età.

Per sensibilizzare le persone sull’endometriosi, è stata installata questa mattina nella Villa Comunale su iniziativa dell’associazione “La Voce di una e la voce di tutte ODV” e della Commissione Pari Opportunità del Comune di Crotone che da tempo è impegnata in campagne di sensibilizzazione sul tema.

L’iniziativa è inserita nel progetto nazionale “Sediamoci sul giallo: endopank” che prevede, per l’appunto, l’installazione di una panchina gialla, il colore simbolo della lotta all’endometriosi, in ogni città, paese, borgo italiano, con una targhetta esplicativa che informerà i passanti sul perché della panchina colorata. L’amministrazione ha condiviso l’iniziativa dell’associazione e della Commissione Pari Opportunità e, attraverso l’assessorato al Verde Pubblico, ha proceduto a installare una panchina gialla in uno dei luoghi più significativi della città, la villa comunale. Questa mattina all’inaugurazione con il sindaco Vincenzo Voce e l’assessore Gianni Pitingolo erano presenti le componenti della Commissione Pari Opportunità presieduta dalla consigliera comunale Carmen Giancotti e i rappresentati dell’associazione “La Voce di una e la Voce di Tutte ODV” tra cui le referenti Carmen Amato e Romina Rotella.

«Si tratta di una patologia di cui usiamo questo dolore per dare voce a chi voce non ne ha, specie per quelle persone che non hanno il coraggio di parlare e non sanno a chi rivolgersi – ha spiegato la referente Carmen Amato –  siamo presenti non solo in Calabria ma in tutto il territorio nazionale con un numero giallo per dare assistenza alle persone che ne hanno bisogno». I consulti medici, ha continuato, sono lasciati agli specialisti,  e poi vi è il progetto delle panchine gialle che è nato per creare una “pianta stabile”: «Installare una panchina crea curiosità, stiamo cercando di diffondere questo messaggio perchè la diagnosi spesso è tardiva e quando viene scoperta la patologia spesso si è all’ultimo stadio ed è difficile da accettare». Sesta panchina in Calabria con un QrCode per accedere ad un video informativo ideato da un ginecologo che si occupa di spiegare cosa sia l’endometriosi. Il progetto continua anche nelle scuole. «Il significato è la conoscenza e l’informazione per i giovani – ha concluso Carmen Giancotti, presidente della Commissione Pari Opportunità del Comune di Crotone – vogliamo dare la consapevolezza verso questa malattia che c’è ma non si vede. Abbiamo proposto anche una sensibilizzazione  nelle scuole con l’associazione Ape, specie per parlare con le più giovani».