Provviste per l’inverno, una tradizione che si ripete ogni fine estate

Provviste per l’inverno, una tradizione che si ripete ogni fine estate

Sveglia alle prime luci dell’alba, o anche qualche ora prima, grembiule in vita, pentole e fuochi accesi. Al sud c’è una tradizione che resiste e che si tramanda di generazione in generazioni. La preparazione delle “conserve”, delle provviste per l’inverno, è un vero e proprio evento che viene preparato nei minimi dettagli nelle ultime settimane dell’estate e che si trasforma in giornate da vivere all’insegna della condivisione.

Un  rito familiare che unisce amici e parenti. Odori e sapori di casa, mani che lavorano e si adoperano affinché tutto sia perfetto. Si prepara la salsa di pomodoro, la conserva piccante, i pepi salati, le melanzane sott’olio e tutto avviene dopo un’attenta selezione delle materie prime – raccolte nei campi o acquistate nei mercati dei contadini – e una meticolosa lavorazione rigorosamente manuale. Una volta terminato tutto si divide il “bottino” in famiglia soprattutto con i fuori sede che anche se lontani dalla propria terra potranno assaporare, e fare assaggiare, quell’inconfondibile, genuino  e autentico sapore del sud che profuma di casa e bontà.