Pugliese: «Bonifica totale e veleni fuori dalla città di Crotone»

0

Michele Affidato Orafo – News

Nel consiglio comunale odierno, il primo cittadino ha presentato la bonifica che interesserà, nei prossimi giorni, la città di Crotone. Ugo Pugliese ha comunicato ai consiglieri presenti che è pervenuto il Decreto della conferenza decisoria circa il Pob fase 1, ovvero delle opere anticipabili a mare. Poi ha spiegato loro che la bonifica vera e propria prevede la rimozione dei rifiuti, e le operazioni di messa in sicurezza e bonifica delle aree industriali (Pob fase 2). Dunque vi è la volontà delle amministrazioni di portare i rifiuti fuori dall’area vasta di Crotone. Allo stato attuale, però, non è stata ancora comunicata la destinazione dei rifiuti. La scelta si saprà da qui ad un anno, lo ha dichiarato il primo cittadino: «Sarà Syndial a comunicarlo alla Prefettura, Al Ministero dell’Ambiente, e agli enti predisposti al controllo. Questo non è avvenuto prima poichè dovendosi protrarre i lavori di messa in sicurezza a mare per i prossimi due anni, la scelta del sito definitivo dove trasportare i rifiuti sarà deciso da qui a un anno: non è stato fatto prima perchè la definizione del sito potrebbe essere inficiata dall’esaurimento delle discariche stesse, che sono particolari». Nel Pob 2, ha aggiunto il sindaco, vi sarà la rimozione di tutti i rifiuti delle discariche e delle vasche fosforite e  fosfogessi e la messa in sicurezza dei terreni: «Noi vedremo un cantiere prima delle due discariche a mare dove saranno realizzati i massi che saranno poggiati a mare di fronte le discariche e saranno le opere di protezione, che sono propedeutiche all’azione di bonifica poichè c’è il rischio che con le mareggiate, non essendoci le opere di protezioni, le mareggiate vadano ad erodere la base delle discariche e si creerebbero maggiori problemi. Prima le opere di protezione a mare, e poi si passerà all’altra fase, cioè alla rimozione vera e propria dei veleni e dei rifiuti contenuti nelle discariche esterne all’area della bonifica».