Quarta dose, si va verso l’estensione della platea da vaccinare

Quarta dose, si va verso l’estensione della platea da vaccinare

Quarta dose, si va verso l’estensione della platea da vaccinare

Il ministro della Salute, Roberto Speranza: “Dopo gli immunocompromessi, tocca agli anziani. Ho chiesto alla Commissione europea di darci una indicazione univoca”

 “Su questo argomento voglio essere chiaro: la quarta dose, in questo momento, non è prevista per tutti, non c’è nessun Paese del mondo che preveda la quarta dose per tutti“. Lo ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza, intervenuto ai microfoni di ‘Radio anch’io’, contenitore di Rai Radio1.

LEGGI ANCHE: Negli Stati Uniti via libera alla quarta dose per over 50 e immunocompromessi

C’è una discussione in corso che sto favorendo soprattutto a livello europeo perché non ci siano decisioni divergenti tra i diversi Paesi europei su una quarta dose per la popolazione più fragile – ha aggiunto il ministro -. Stiamo dunque parlando non solo degli immunocompromessi, per i quali la quarta dose si può già fare, è già raccomandata e consigliata, ma anche per le persone più anziane“.

LEGGI ANCHE: Speranza sulle mascherine al chiuso: “Decideremo tra due settimane”

“Quando parliamo di persone più anziane – ha precisato Speranza -, ci sono ipotesi diverse su cui stanno ragionando diversi Paesi: sopra gli 80 anni, sopra i 70, sopra i 75. Ho chiesto alla Commissione europea di darci una indicazione univoca, perché non ha senso che a Berlino si dica 70 anni e a Parigi si dica 80 anni. Siamo ormai una comunità di destino come comunità europea, abbiamo bisogno di fare una scelta condivisa”.

LEGGI ANCHE: Fine stato d’emergenza, cosa cambia dall’1 aprile: le nuove regole

Il ministro della Salute ha specificato ancora: “Voglio però essere chiaro: quando si parla di quarta dose non si parla di quarta dose per tutti. Ma si parla di quarta dose solo per le fasce più fragili, quelle che se incontrano il virus rischiano di pagare un prezzo più alto”.

 «Agenzia DiRE»