Quattro studenti del Donegani ottengono la certificazione chimica europea

Quattro studenti del Donegani ottengono la certificazione chimica europea

Sono quattro giovani dell’istituto Donegani i primi studenti italiani ad aver ottenuto la certificazione chimica europea di livello universitario da ECTN. Un risultato prestigioso arrivato al termine di un progetto sperimentale, unico in Italia e in Europa, portato avanti dai docenti di Chimica Daniele Maggiore ed Ermanno Lasta, con la supervisione del professor Antonio Laganà del Virtual Education Committee dell’Associazione European Chemistry Thematic Network (ECTN), e la collaborazione della dottoressa Selvaggi dell’università di Perugia. «La scuola – ha spiegato il professore Maggiore – ha creduto sin dall’inizio in questo progetto unico che ha avuto l’obiettivo di allontanarsi dall’autoreferenzialità dell’istruzione.

Abbiamo spinto affinché i ragazzi potessero misurarsi con standard nazionali ed europei e siamo riusciti, insieme a loro, a raggiungere un obiettivo importante». E’ stata infatti la prima volta che una scuola superiore ha deciso di confrontarsi con questi test, domande elaborate dal comitato internazionale ECTN e prove che solitamente si tengono per poter accedere alle università d’Italia e d’Europa.
Una sfida ardua che i ragazzi hanno prima accettato e poi affrontato con impegno. I quattro studenti si sono preparati, con diligenza, nonostante i limiti della pandemia, e alla fine hanno ottenuto un grande risultato. «Abbiamo organizzato un percorso formativo – continua il prof. Maggiore – in cui gli alunni potevano acquisire competenze specifiche, approfondendo determinati contenuti chimici con esercizi e problemi di livello universitario. Abbiamo dimostrato che la preparazione che diamo ai ragazzi è spendibile non solo in un contesto ristretto, fine al conseguimento del diploma, ma anche in ambito universitario».

Il risultato è stato preminente tanto che anche la Società Chimica italiana – Sezione didattica, ha rivolto i complimenti ai docenti e ai ragazzi. Il modello pensato e creato dall’istituto Donegani è ora osservato in altri contesti europei e in altri Stati. Sono inoltre in via di pubblicazione, su riviste di settore come La Chimica nella scuola, articoli di ricerca didattica che evidenzieranno gli aspetti formativi e innovativi di questa esperienza. Soddisfatta del risultato raggiunto la dirigente del Donegani Laura Laurendi: «Si tratta di un primo traguardo nell’ambito delle competenze chimiche e linguistiche per il nostro istituto. Abbiamo approfondito l’area delle soft skins, queste competenze trasversali che permetteranno loro di imparare un nuovo quadro delle competenze dirette».
V. R.