Regione Calabria – Un primo riconoscimento per gli “eroi del Covid”

Calabria – Erano stati costretti a scendere in piazza per rivendicare i loro diritti. Stiamo parlando dei lavoratori della sanità calabresi che, qualche giorno fa, hanno protestato davanti la Regione Calabria per rivendicare il pagamento dei premi Covid agli “eroi” che hanno lavorato durante la fase peggiore del periodo pandemico e la stabilizzazione dei contratti dei lavoratori.

Finalmente è arrivata l’ufficialità di una prima buona notizia.

“Sui cosiddetti premi Covid, la Regione Calabria onora l’accordo che è stato sottoscritto con i sindacati.
Medici, infermieri e operatori sanitari vedranno riconosciuti per intero le cifre che devono percepire per il prezioso e indispensabile contributo dato durante i mesi più caldi della pandemia.
Gli importi pattuiti, quindi, verranno considerati al lordo delle sole imposte e dei contributi previdenziali a loro carico.
Il datore di lavoro – e dunque le Aziende sanitarie provinciali e le Aziende ospedaliere – si farà carico degli oneri riflessi in modo che i lavoratori calabresi possano percepire quanto spettante senza farsi carico di trattenute non dovute, al pari dei loro colleghi di tutte le altre Regioni”.

Lo afferma in una nota Giuseppe Profiti, commissario straordinario di Azienda Zero.