Ritorna la Primavera, questa volta con lieve anticipo

Ritorna la Primavera, questa volta con lieve anticipo

La primavera è alle porte. Domenica 20 marzo, infatti, c’è stato l’equinozio di primavera che quest’anno ricade un giorno prima della data stabilita nel 325 dal Concilio di Nicea per calcolare poi la Pasqua cristiana, ossia il 21 marzo.

Quest’anno l’equinozio di primavera ricade il 20 marzo e non il 21 marzo come è stato stabilito nel 325 dal Concilio di Nicea. Paolo Volpini, dell’Unione astrofili italiani (Uai),  spiega che non è possibile fissarlo il 21 marzo visto che il calendario misura 365 giorni per un anno, cioè un quarto di giro in meno di quanti la Terra ne compia su se stessa durante una rivoluzione completa attorno al Sole.

Ciò vuol dire che, ogni 3 anni, si accumula un ritardo che viene recuperato aggiungendo 1 giorno ogni 4 anni (il 29 febbraio degli anni bisestili). Per questo motivo l’equinozio di primavera può variare ma ricade sempre tra il 19 e 21 marzo.